meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue 22°
Lun, 27/05/2024 - 16:50

data-top

lunedì 27 maggio 2024 | ore 17:41

Rockin’1000 torna a casa

Rockin’1000 torna a casa, dove è nata la più grande Rock Band al mondo, con un concerto di raccolta fondi per i territori colpiti dall’ alluvione, sabato 29 luglio presso lo stadio Orogel Dino Manuzzi di Cesena.
Rockin 1000

Dopo aver suonato negli stadi più importanti del mondo, dal Brasile alla Spagna, Francia e Germania, Rockin’1000 torna a casa, dove è nata la più grande Rock Band al mondo, con un concerto di raccolta fondi per i territori colpiti dall’ alluvione. L’evento, in programma sabato 29 luglio presso lo stadio Orogel Dino Manuzzi di Cesena con una presentatrice d’eccezione, Lodovica Comello, e due direttori d’orchestra tra i volti più noti del panorma musicale italiano: Rodrigo D’Erasmo e Daniel Plentz. Rockin’1000 - divenuto un fenomeno globale, che ha portato i Foo Fighters a Cesena, torna dove tutto è cominciato per un’occasione particolarmente speciale, un evento volto a sostenere le popolazioni e le province di Forlì-Cesena e Ravenna, così duramente colpite dalle alluvioni dello scorso maggio. La nuova tappa ha quindi un significato profondo, che parte dall’aiuto concreto alla propria terra, per arrivare al lancio di un grande segnale di ripartenza e una festa per coloro vivono nel territorio e lo riempiono di vitalità e solarità.
“Sono passati sette anni dal nostro debutto allo stadio di Cesena, abbiamo deciso che questa fosse l'occasione migliore "per tornare a casa", dopo aver fatto il giro del mondo, suonando davanti a decine di migliaia di persone. L'alluvione ci ha colpiti profondamente, la nostra sede è finita sott'acqua e il legame con il territorio è sempre molto forte e vivo. Dopo aver coadiuvato il coordinamento dei volontari attraverso la creazione del servizio volontarisos.it, che ha permesso la gestione di oltre 50 mila persone, abbiamo voluto lanciare questo evento di raccolta fondi insieme ai nostri soci di Orienta Capital Partners, anche loro romagnoli. Un secondo obiettivo è anche la comunicazione di un segnale di ripartenza: vogliamo mostrare come la Romagna non sia più in ginocchio, ma al contrario, una terra che si è rimessa in carreggiata, pronta ad accogliere milioni di turisti con i servizi ed il sorriso di sempre.” - dichiara Fabio Zaffagnini, Fondatore di Rockin’1000.
Rockin’1000 nasce da un sogno, quello di Fabio Zaffagnini, geologo marino, di portare la sua band preferita, i Foo Fighters, in Italia. Per farlo, realizza un enorme concerto composto da 1000 appassionati di rock e della band americana che suonano e cantano simultaneamente “Learn to fly”: persone normali con professioni ordinarie, legati dalla grande passione per la musica, e che per la prima volta prendono le vesti degli artisti visti moltissime volte sul palco. Il video su YouTube diventa virale, oggi conta 62 milioni di views, fa il giro del mondo fino ad arrivare ai Foo Fighters, che si esibiranno poi per la prima volta a Cesena. Da quel momento, Rockin’1000 si è esibita in diversi stadi in Italia e all’estero, diventando a tutti gli effetti la "rock band più grande del mondo": Stade de France di Parigi - Francia, Commerzbank Arena di Francoforte - Germania, Allianz Parque di San Paolo - Brasile, Stadio Artemio Franchi di Firenze - Italia e tanti altri. Migliaia di chitarristi, bassisti, batteristi, tastieristi e cantanti, oltre a sezioni di fiati e sezioni di archi, si sono uniti, suonando i brani più iconici della Storia del Rock: Queen, Led Zeppelin, AC/DC, Jimi Hendrix, Rolling Stones, Oasis, Nirvana e altri. Rockin’ 1000 permette a qualsiasi musicista o cantante di poter partecipare e prendere parte della rock band più grande al mondo, abbattendo qualunque distanza tra il pubblico e il palco. Iscriversi è semplice e gratuito: dal sito www.rockin1000.com, è necessario compilare un breve form e allegare un video dove si dimostra di sapere suonare e/o cantare. Le candidature vengono esaminate dai Music Guru (insegnanti di musica, responsabili delle diverse sezioni strumentali: voci, batterie, chitarre, bassi e tastiere) e, se accettati, è possibile prenotarsi e partecipare agli eventi in programma nel mondo.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Invia nuovo commento