meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo coperto, leggera pioggia
Mar, 29/11/2022 - 11:50

data-top

martedì 29 novembre 2022 | ore 12:49

Nucleare: un'energia che spacca?

Venerdì 7 ottobre alle 21 presso Palazzo Leone da Perego a Legnano, la lista civica riLegnano ha organizzato una serata informativa e di dibattito dal titolo: Nucleare: un'energia che spacca?
Legnano / Eventi _ dibattito sul nucleare

La lista civica riLegnano ha organizzato una serata informativa e di dibattito dal titolo: Nucleare: un'energia che spacca?
La serata si terrà venerdì 7 ottobre alle 21 presso Palazzo Leone da Perego in via Girardelli 10 a Legnano.

Gli effetti del cambiamento climatico, eventi atmosferici sempre più estremi, il rischio di siccità e desertificazione e, più recentemente, le difficoltà nell'approvvigionamento di gas naturale ci costringono a ripensare il modello di produzione dell'energia elettrica. Da anni sentiamo parlare di aumento della produzione da fonti rinnovabili, ma la tecnologia attuale è sufficiente per coprire i bisogni della nostra società? La decarbonizzazione è davvero possibile? Con che orizzonte? Il nucleare, in questo quadro sempre più drammatico, può o addirittura deve giocare un ruolo? E in Italia?

Domande difficili, che sentiamo con sempre maggiore frequenza. Senza la pretesa di poter dare loro una risposta, cercheremo di approfondirle con due esperti del settore, nella speranza a fine serata di tornare a casa con qualche strumento in più per decifrare il tema e farci un'opinione informata delle soluzioni che ci verranno proposte.

In questo approfondimento saremo aiutati da Luca Romano, co-fondatore della pagina di divulgazione scientifica "L'Avvocato dell'Atomo" e da Mauro Toffetti, imprenditore nel settore delle energie rinnovabili, associato a Italia Solare.

Con l'impegno di dar vita ad un dibattito dai toni pacati anche se il tema spesso... spacca!

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Invia nuovo commento