meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno
Dom, 27/11/2022 - 02:20

data-top

domenica 27 novembre 2022 | ore 03:10

"Farina: quasi 120% in più"

Quasi il 120% di aumento: cara, o meglio sarebbe forse più corretto di dire "carissima farina". "Questa, purtroppo, è la situazione - spiega un panettiere".
Inchieste / Territorio - Il titolare del panificio di Bernate

Quasi il 120% di aumento: cara, o meglio sarebbe forse più corretto di dire "carissima farina". "Questa, purtroppo, è la situazione con la quale ci troviamo a doverci confrontare - spiega il titolare di un panificio a Bernate - Inizialmente è stata quella di semola (una decina di giorni fa), ma nessuno si era allarmato, quindi, con la guerra scoppiata in Ucraina, ecco che c'è stato un importante incremento anche di quella '00'. Se prima, insomma, si poteva ovviare al problema, adesso capite che diventa davvero complicato".

Il costo, insomma, che sale e che, inevitabilmente, si ripercuote sul settore e, allo stesso tempo, sulla clientela. Bernate - Uno dei panifici del paese "Da parte nostra si sta cercando, comunque, di tenere il prezzo del pane fisso, per non gravare sulle persone - prosegue - Però, chiaro è che senza una mano, sarà sempre più difficoltoso e si dovrà, per forza, applicare un rincaro sul prodotto finale. Siamo piccoli fornitori e, dunque, arrivati ad un certo punto non sarà più possibile sostenere una simile situazione, visto che ci sono, in parallelo, pure gli incrementi delle utenze con cui, appunto, fare i conti".

Ma, alla fine, non è solo la crescita dei costi, bensì c'è anche la difficoltà con le materie prime che, giorno dopo giorno, scarseggiano. "I mezzi, infatti, sono fermi in frontiera e pertanto stiamo ricevendo soltanto un terzo della farina richiesta - conclude - Una problematica che, in parte, avevamo già cominciato ad affrontare prima con il grano che arrivava dall'Asia e che ora, invece, con il conflitto in Ucraina si è accentuata maggiormente".

COSTI DELLA FARINA: "QUASI IL 120% IN PIU'"

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Invia nuovo commento