meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue
Mer, 01/12/2021 - 23:20

data-top

domenica 05 dicembre 2021 | ore 06:30

Latte: "Filiera risponda"

"Invitiamo tutte le componenti della filiera lattiero casearia a fare con coraggio la propria parte, anche le industrie di trasformazione e la grande distribuzione".
Sapori - Latte (Foto internet)

“Invitiamo tutte le componenti della filiera lattiero casearia a fare con coraggio la propria parte, anche le industrie di trasformazione e la grande distribuzione. Il nostro è un impegno a difesa delle aziende agricole e, nel contempo, di tutta l’economia del nostro Paese. E’ evidente che se la filiera non risponderà, dimostrando lungimiranza e senso di responsabilità, noi non ci fermeremo”. È quanto afferma Paolo Voltini, presidente di Coldiretti Lombardia, commentando l’incontro sulla crisi delle stalle tra il presidente nazionale Coldiretti Ettore Prandini e il ministro delle Politiche Agricole Stefano Patuanelli. “Serve responsabilità dell’intera filiera del latte – spiega il presidente nazionale della Coldiretti Ettore Prandini - per assicurare al più presto un prezzo equo agli allevatori che non possono aspettare oltre”. “Le imprese di allevamento da latte - denuncia Prandini - sono ormai allo stremo con compensi ormai da troppo tempo al di sotto dei costi di produzione”. “Serve subito - continua Prandini - un patto di filiera tra allevatori, industrie e distribuzione per salvare il latte e le stalle italiane”. In gioco c’è il futuro di un settore che – rileva la Coldiretti – produce ogni anno oltre 12 milioni di tonnellate di litri di latte di mucca grazie a circa 30mila allevamenti diffusi lungo tutta la Penisola che garantiscono il primato tricolore in Europa nella produzione di formaggi a denominazione di origine protetta (Dop). In Lombardia – conclude la Coldiretti regionale – viene prodotto quasi la metà del latte italiano.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento