meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nessuna nuvola significante -4°
Lun, 06/12/2021 - 03:50

data-top

lunedì 06 dicembre 2021 | ore 03:00

"Auf Wiedersehen bomber"

Il mondo del calcio in lutto: è morto Gerd Muller, tra i più grandi di sempre. Il mito, la leggenda, il campione che ha scritto pagine di storia con la Germania e il Bayern Monaco.
Sport - Gerd Muller (Foto internet)

Il mito, la leggenda, il bomber con la 'B' maiuscola. Ma, in fondo, ce ne sarebbero molti e molti altri di appellativi, perché Gerd Muller non era soltanto un calciatore. Era un simbolo, un icona, un esempio, il campione capace di far esultare tifosi, non solo nella 'sua' Germania, bensì in tutto il mondo; l'uomo e lo sportivo, insomma, lo sportivo e l'uomo, che ha scritto pagine di storia del pallone e che, oggi, anche da lassù, continuerà a regalare emozioni a tutti. L'addio ad uno dei grandi del calcio; l'ultimo saluto ad un punto di riferimento dentro e fuori dal campo. Classe 1945, Muller è stato tra i più forti centravanti tedeschi, campione d'Europa nel 1972 e, quindi, del mondo nel 1974 con la Germania Ovest, mentre con il Bayern Monaco ha conquistato 4 titoli, 4 coppe nazionali, 1 coppa delle coppe, 3 coppe dei campioni e una intercontinentale, diventando, tra l'altro, proprio con i bavaresi il miglior realizzatore di tutti i tempi. Non solo i successi sul terreno di gioco, contemporaneamente, infatti, sono arrivati pure un pallone d'oro e due scarpe d'oro. Una carriera eccezionale la sua; un passato fatto di traguardi e prestigiosi riconoscimenti, ma anche, purtroppo, una vita segnata dall'alzheimer che l'ha costretto, negli ultimi anni, ad affidarsi ad un centro medico specializzato. Anni, certamente, lunghi e difficili, prima di andarsene per sempre nelle scorse ore.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento