meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue, leggera pioggia 14°
Mar, 11/05/2021 - 04:50

data-top

martedì 11 maggio 2021 | ore 05:14

L'antico pozzo restaurato

“Grazie ai volontari del Museo Storico Civico di Cuggiono l’antico pozzo, da molti anni in stato di abbandono, ha ripreso la sua forma originale a testimonianza di un senso di comunità che non ha mai cessato di esistere”.
Cuggiono - Il pozzo di via Santa Maria

Verso la fine della prima tratta del vicolo, in un passo triangolare, un pozzo ad uso di vari proprietari degli attigui caseggiati”: forse uno dei “beni comuni”, ad uso pubblico, realizzati insieme dai vicini. “Grazie ai volontari del Museo Storico Civico di Cuggiono l’antico pozzo, da molti anni in stato di abbandono, ha ripreso la sua forma originale a testimonianza di un senso di comunità che non ha mai cessato di esistere”, scriveva nei testi conservati nell’archivio del Museo Giovanni Visconti e così si legge nel libretto storico ‘Il vicolo di Santa Maria in Brera e il suo pozzo - Una storia d’altri tempi’. Ripresentato fedelmente (con esposto il bellissimo cestello in legno riparato da Giovanni Pandini) da domenica 18 ottobre, la storia del Pozzo di Santa Maria, e la sua struttura, “ci sono state rese chiare da Gianni, esperto nel ricercare tratti della nostra storia nei documenti che ancora oggi vengono conservati - sottolinea Gabriele Calcaterra - e dall’esperienza di persone capaci di interpretare i segni che il tempo ci ha lasciato”. Così come il saggio ‘Tu ci hai svelato quanto sia antica la patria nostra’ (realizzato dagli autori, Mario Comincini e Paolo Mira ed edito dal Museo Storico Civico Cuggionese) che contiene sedici stralci di storia locale oltre a una galleria di immagini, dedicato al grande storico Giovanni Visconti e alla sua passione per la ricerca storica.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento