meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue
Mer, 02/12/2020 - 06:50

data-top

mercoledì 02 dicembre 2020 | ore 07:20

Casa e lavoro: back to life

Questo rientro è il più traumatico di tutti: come sarà tornare a una vita “normale” nell'epoca post Covid? Ecco i consigli degli esperti.
Attualità - 'Post' lockdown (Foto internet)

Causa pandemia, in questi ultimi mesi, il rapporto delle persone con la propria casa è cambiato: giocoforza, abbiamo dovuto passarci più tempo, quindi c’è chi l’ha ripensata, chi l’ha arredata, chi l’ha riorganizzata e anche chi ha preso la decisione di cambiarla.
Tra smartworking e didattica a distanza, infatti, le abitazioni hanno assunto caratteristiche nuove e, a volte, inaspettate. Quel piccolo terrazzo, magari prima poco considerato, tutto a un tratto, durante la quarantena, si è rivelato un'ancora di salvezza. Durante i mesi di lockdown – passati perlopiù in cucina - sono quindi nate nuove dinamiche familiari e nuove esigenze, soprattutto legate agli spazi. Non solo per i lavoratori, che hanno ripiegato su postazioni improvvisate per poter svolgere le proprie mansioni da casa, ma anche per le mamme e i papà di tutta Italia, che hanno dovuto fare i conti con la vita in casa tutto il giorno, tutti insieme.
Come sarà da adesso in poi, quando tutto sembra che stia tornando a una seppur nuova normalità? Come riprendere al meglio i ritmi di gestione del nido famigliare e domestico, sperando che il coronavirus non li stravolga di nuovo? Abbiamo chiesto un consiglio agli esperti di Casa.it, uno dei portali immobiliari top in Italia: ce ne hanno forniti 6, per organizzare al meglio la vita in casa e vivere in serenità il rientro a scuola e in ufficio.

Ascoltare e ascoltarsi
Presi dalla frenesia della vita quotidiana, spesso ci si dimentica di dedicare del tempo a un sano confronto in famiglia. C’è chi ha bisogno di una scrivania più grande o magari di un’area dedicata ai video da condividere su TikTok: parliamoci!
Delegare delegare delegare
Si sa, ma lo dimostrano anche varie ricerche, che sulle donne spesso ricade quasi tutta la gestione della casa. Le cose, però, stanno cambiando e sempre più spesso gli uomini sono parte integrante dell’organizzazione. Delegare a ognuno un proprio compito preciso aiuta a dividersi le incombenze, lasciando spazio al relax e alla condivisione.
Stabilire regole e turni
Molte discussioni ruotano intorno all’uso del bagno e quando poi ce ne è uno solo... aiuto! Ecco che regole chiare e condivise, magari scritte su una tabella decorata da appendere in cucina, diventano essenziali per evitare i conflitti e vivere la casa in serenità.
Organizzare gli spazi secondo le priorità
Non tutto è importante allo stesso modo: avere a disposizione uno spazio tranquillo per poter svolgere i compiti scolastici e lavorare è fondamentale quando in casa ci sono più persone. Oppure avere un'area dedicata allo svago quando manca uno spazio all’aperto per giocare o non si può uscire. E magari quell’idea di dividere i bimbi in camere separate può essere ripensata per far spazio a uno studio o a una piccola palestra.
Pianificare la giornata successiva
Spesso le mattine in casa sono frenetiche: borse da preparare, pranzi da assemblare nelle schiscette, lavastoviglie da svuotare e quel bollettino per la gita scolastica che ancora penzola sul frigorifero. A volte basta poco: anche solo mezz’ora dedicata alla pianificazione della giornata successiva può migliorare l’organizzazione (e l’umore!) di tutta la famiglia.
Fare colazione tutti insieme
Gli esperti sono d’accordo: chi ben comincia è già a metà dell’opera. Sedersi tutti insieme, condividendo pensieri, progetti e perché no, preoccupazioni, aiuta ad affrontare la giornata con una prospettiva tutta nuova!

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento