meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Dati non disponibili 25°
Mar, 04/08/2020 - 12:50

data-top

martedì 04 agosto 2020 | ore 13:55

Seconda scheda per guidare 24 ore

Un camionista della Repubblica Ceca, in viaggio da Trecate a Vienna, utilizzava, infatti, una seconda scheda per il cronotachigrafo che gli permetteva di guidare per un numero di ore nettamente superiore a quello consentito. Fermato dalla Polizia Stradale.
Cronaca - Controllo della Polizia Stradale

Usava uno stratagemma pericolosissimo per eludere le disposizioni in tema di riposo riservate agli autotrasportatori. Un camionista della Repubblica Ceca, in viaggio da Trecate a Vienna, utilizzava, infatti, una seconda scheda per il cronotachigrafo che gli permetteva di guidare per un numero di ore nettamente superiore a quello consentito, riducendo il riposo e rischiando grosso per la sua sicurezza e per quella degli altri automobilisti e camionisti in circolazione. Martedì pomeriggio è stato fermato per un controllo dalla Polizia Stradale di Magenta all'altezza dello svincolo di Mesero della superstrada per Malpensa. Subito gli agenti, analizzando i dati del tachigrafo, si erano accorti che era stata utilizzata una scheda non propria. Hanno analizzato i dati scoprendo che il conducente, usando una seconda scheda, aveva lavorato ininterrottamente per 24 ore, rispetto alle 15 previste dal regolamento europeo. Il conducente, oltre al ritiro della patente per l'uso di una scheda non sua è stato sanzionato a causa delle eccessive ore di guida e del mancato riposo, il veicolo è stato fermato con ritiro dei documenti di circolazione e trasferito in un deposito giudiziario. L'autista ha subito inoltre la decurtazione di 30 punti dalla patente e sanzioni per un totale di 1.800 euro.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento