meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 20°
Mar, 11/08/2020 - 05:20

data-top

martedì 11 agosto 2020 | ore 06:21

Triumph Street Triple 765 RS

Un comparto ciclistico da vera sportiva su questa naked che fin dai primi metri invita a cercare le curve, lente o veloci che siano.
Motori - Triumph Street Triple

La Street Triple la “Piccola” Naked di casa Triumph cresce di cilindrata con la versione RS e diventa settecinquanta, 765cc per la precisione.
In questa moderna moto il motore è sicuramente il pezzo forte, stretto parente delle unità impegnate nella categoria Moto2 del Motomondiale e con potenza e una linearità davvero invidiabili, merito anche del frazionamento a tre cilindri tipico della casa Inglese.
I Cavalli sono 123 a 11750 giri/m, che su una moto da meno di 170 kg di peso sembrano molti di più, complice anche la robusta coppia spostata verso il basso.
Una potenza gestibile attraverso il comando del gas ride by wire e con ben cinque modalità di guida (Rain – Road – Sport – Track - Rider ) che modificano l’intervento del Traction Control e dell’ABS oltre che la mappatura del motore più o meno docile.
Tanta sostanza di motore che trova riscontro in una bella ciclistica con un bel telaio a doppia trave in alluminio con piastre pressofuse ad alta pressione, su questo lavora una forcella, pluriregolabile, a steli rovesciati Showa e un Monoammortizzatore Öhlins con serbatoio separato, un’accoppiata vincente capace di dare coerenza e precisione in ogni situazione.
Esagerata anche la dotazione a livello di freni con una terna di dischi Brembo con davanti una coppia di pinze monoblocco Brembo M50 spremute da una pompa Brembo ad interasse variabile.
Insomma un comparto ciclistico da vera sportiva su questa naked che fin dai primi metri invita a cercare le curve, lente o veloci che siano.
Sempre in termini di dotazione prestazionale davvero efficace il cambio a sei rapporti, preciso veloce e con un sistema Triumph Shift Assist che permette di cambiare marcia (sia in salita che in scalata) senza l’uso della frizione; forse il migliore fino ad ora provato.
Tutta questa artiglieria pesante è al servizio di una moto bellissima, dove l’ottima verniciature e dettagli di pregio, come ad esempio le scritte “Triumph” in rilievo sul serbatoio, fanno percepire una qualità elevata fin dal primo sguardo. Qualità che viene confermata da una cura davvero certosina dei dettagli e da scelte stilistiche che pur mantenendo il family feeling si spostano verso linee moderne.
Il caratteristico doppio faro a LED, sormontato da una presa d’aria e dalla piccola unghia che copre la strumentazione acquista maggiore aggressività e anche le nuove fiancatine protese in avanti e il bel codone appuntito danno elegante sportività ad una moto decisamente ben riuscita.
Si guida bene seduti su una comoda sella, seppur sportivamente rigida, con una posizione in sella da moto sportiva, anche se non esasperata. Pedane ben arretrate che portano le ginocchia a inserirsi perfettamente negli svasi del serbatoio.
Leggera, scattante impressiona per la velocità di scendere in piega e poi mantenere la traiettoria impostata con precisione, merito anche delle gomme Pirelli Diablo Supercorsa montate sul modello in prova.
Sospensioni tarate sportivamente rigide che se soffrono sulle disconnessioni della strada sono perfette quando l’asfalto è liscio.
Facile farsi prendere la mano infilando una marcia dopo l’altra con quel cambio elettro assistito che funziona benissimo, l’anteriore che vuole sollevarsi da terra, come basta poco per scalate veloci, senza usare la frizione, sentendosi quasi in pista, con un suono che esce dal bello scarico basso, non esagerato, diremmo giusto, ma molto personale come solo il tre cilindri sa essere, tra l’altro rispettando le normative euro 5 come emissioni.
Basta poi un dito sulla leva della pompa del freno anteriore per frenare in maniera forte e precisa coadiuvati da un disco posteriore capace di stabilizzare la moto nelle staccate più decise.
Si guida come una sportiva, eppure è una naked, leggera nuda di tutto il superfluo con una facilità estrema quando non si esagera, altrimenti richiede un po’ di malizia ma senza mai diventare scorbutica o imprevedibile.
Questa Triumph Street Triple RS e capace di portarvi a spasso danzando leggera sulle curve con un filo di gas in sesta, infatti è capace di riprendere da meno di 2500 giri/min nella marcia più alta senza nessuna incertezza con consumi che si avvicinano ai 20 km/lt.
Se invece vi sentite in giornata racing ecco che accetta anche la guida di corpo, grintosa e aggressiva con una stabilità incredibile e una velocità ad eseguire i comandi del pilota impressionante, certo i 17,4 litri del serbatoio in questo caso finiscono molto prima.
Questa Street Triple RS può essere vissuta anche in coppia a patto che il passeggero abbia spirito di sacrificio e sia dotato di grande passione, infatti la porzione di sella a lui dedicata è rialzata e decisamente poco regale e inoltre non può contare su nessun appiglio se non il classico cinghietto sulla sella.
In vendita ad un prezzo che parte da € 11.900, sicuramente è giustificato dalla componentistica e dalla qualità di questa Triumph. (Foto di Roberto Serati)

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento