meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 31°
Lun, 22/07/2019 - 19:50

data-top

lunedì 22 luglio 2019 | ore 20:46

"Fiducia maggioranza: si o no?"

Cuggiono Democratica interviene sulla situazione che si sta verificando tra le fila dell'Amministrazione comunale. "Il sindaco ha ancora la fiducia della maggioranza?".
Cuggiono - Cuggiono Democratica - Giovanni Cucchetti

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO - Sono ormai passati quasi 3 mesi dai fatti di largo Borghi che hanno generato il collasso della maggioranza di centrodestra. Abbiamo chiesto più volte ai Consiglieri Mastelli, Soldadino e Vener di chiarire la loro posizione e di assumere le azioni conseguenti, ma ad oggi ancora non conosciamo se sono intenzionati a sostenere ancora il Sindaco Perletti. La revoca delle deleghe all'ex vicesindaco e assessore Vener operata dal sindaco ed il diniego alla richiesta dei Consiglieri Mastelli, Soldadino e Vener di annullamento del decreto di revoca delle deleghe sono la sintesi di un maggioranza ormai non più in essere e di un Sindaco che non ha più la fiducia della maggioranza con cui è stato eletto. Quanto compiuto dai consiglieri Vener, Mastelli e Soldadino si configurano quali atti che manifestano un palese e profondo dissenso sull’operato dell'Amministrazione a guida Perletti e come peraltro la stessa Sig.ra sindaco dichiara, sia nel decreto di revoca delle deleghe che nell'ultima sua comunicazione, la revoca è la conseguenza di continui dissensi nelle scelte amministrative e di posizioni assunte dal Vicesindaco che minano la sinergia della Giunta e pregiudicando gli obiettivi da conseguire. Riteniamo a questo punto indispensabile avere un chiarimento da parte dei Consiglieri che hanno dimostrato una divergenza sostanziale di vedute con il resto dell'amministrazione. Cuggiono Democratica, che ha 3 Consiglieri comunali, ha già più volte dichiarato di essere pronta ad una mozione di sfiducia nei confronti del Sindaco, ma a termini di Statuto occorrono cinque Consiglieri per poterla presentare. Ci rivolgiamo, quindi, pubblicamente ai Consiglieri Vener, Mastelli e Soldadino chiedendo: volete firmare con le opposizioni la mozione di sfiducia e mandare a casa il Sindaco Perletti? Servono 5 firme di Consiglieri comunali perché si possa discutere in Consiglio quanto è emerso nei fatti di questi mesi. Cuggiono Democratica ha più volte già espresso la propria disponibilità; Forza Italia, Noi Repubblicani Popolo Sovrano, Agorà sottoscrivono un testo come quello sotto riportato per presentarlo e discuterlo nel Consiglio nell’esclusivo interesse dei cittadini di trasparenza e chiarezza circa chi amministra? Negli ultimi mesi si sono verificati alcuni seri atti che hanno sostanzialmente mutato la maggioranza e la possibilità di operare dell’Amministrazione in carica. E’ stato dato luogo ad alcuni lavori viabilistici presso Largo f.lli Borghi che sono stati subito interrotti dall’intervento del vice-sindaco Vener dichiarandone la non condivisione e la mancanza di comunicazione a riguardo; ad oggi, dopo circa 3 mesi, tali lavori sono ancora sospesi e non è dato sapere, in quanto non definito, quale intervento viabilistico si intende effettuare. Ad un’interrogazione consigliare a riguardo, gli assessori Vener e Soldadino sono usciti dall’aula prima della risposta alla stessa in segno pubblico di dissenso a riguardo nei confronti del Sindaco e dell'Assessore Ottolini. Lo scorso 3 giugno la signora sindaco ha ritirato tutte le deleghe al vicesindaco Vener decretandone l’uscita dalla Giunta comunale, motivando l’atto con il venir meno di qualsiasi fiducia e asserendo pubblicamente di continui dissensi sulle scelte amminstrative. Con comunicazione protocollata, i consiglieri Mastelli, Soldadino, Vener hanno richiesto con fermezza il completo reintegro di Vener nel precedente ruolo e un incontro chiarificatore che la sindaco Perletti ha negato a mezzo di comunicazione scritta. E’ ormai un dato di fatto che non esiste una maggioranza coesa ma due distinte parti che non hanno più un’azione comune e non comunicano tra loro, se non a mezzo di lettere formali. Negli ultimi giorni le scelte viabilistiche operate da Vener circa il capolinea Movibus con posa di dissuasori in via Manzoni sono state rovesciate dal Sindaco, sconfessando platealmente il precedente operato. E’ nei fatti una completa mancanza di fiducia circa le scelte amministrative, fondamento indispensabile per proseguire l'azione di governo del Comune da parte dell'attuale sindaco. Per tali ragioni, in totale trasparenza e a motivo dell’unico interesse dei cittadini con cui i consiglieri comunali devono operare con esclusivo spirito di servizio, è indispensabile che il Consiglio comunale si esprima con un voto ai sensi dell’art. 21 dello statuto comunale evidenziando singolarmente la permanenza o meno della fiducia circa l’operato di cui ha dato prova il sindaco.

Invia nuovo commento