meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue 21°
Dom, 18/08/2019 - 08:20

data-top

domenica 18 agosto 2019 | ore 08:54

La maturità da 'ex' preside

Le nuove modalità dell'esame di stato: cosa ne pensa un ex dirigente scolastico, per anni e anni impegnato in prima persona. Luciano Marzorati, dell'istituto superiore 'Torno'.
Scuola - Luciano Marzorati, ex preside dell'istituto 'Torno' di Castano

Maturità e nuove modalità... Cosa ne pensano, certo, gli alunni, ma anche gli insegnanti o chi l'esame di Stato l'ha vissuto in prima persona per anni e anni. E allora chi meglio se non l'ex dirigente scolastico dell'istituto superiore 'Torno' di Castano Primo, Luciano Marzorati, poteva rispondere? Secondo l'ex preside un'importante innovazione introdotta è data dall'aumento del credito scolastico. Tale punteggio viene maturato dagli alunni durante gli ultimi tre anni di corso, incidendo sul voto finale. Rispetto alla precedente normativa, il punteggio viene portato da venticinque punti su cento a quaranta, dando così maggior peso alla carriera scolastica di ogni allievo. "Diciamo che ritengo opportune le modifiche introdotte - spiega - mentre conservo ancora qualche dubbio riguardo l'eliminazione della terza prova. La nuova seconda prova, infatti, ha ragion d'essere solo se presenta effettivamente un carattere interdisciplinare, in grado quindi di consentire allo studente di dar prova delle sue conoscenze in tutti gli ambiti di studio". Le novità più incisive riguardano, però, il colloquio orale, dove debuttano le tre buste che vanno a sostituire la tesina, con la quale i ragazzi davano inizio alla discussione portando un argomento scelto da loro. Le tre buste contengono alcuni materiali - spunto, come testi, documenti, fotografie o opere, punto di partenza del colloquio. Lo studente una volta scelta la busta, dovrà strutturare un discorso toccando gli argomenti affrontati in aula, dimostrando dunque non solo le sue conoscenze, ma sopratutto le competenze multidisciplinari. "Rimando il mio giudizio al termine delle prove - conclude Marzorati - in quanto occorre valutare le impressioni di alunni e docenti che hanno vissuto in prima persona tali novità, prima di formulare un parere. Il giudizio globale sulle novità introdotte dal Miur, comunque, è positivo".

Invia nuovo commento