meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue
Ven, 27/11/2020 - 14:20

data-top

venerdì 27 novembre 2020 | ore 15:19

Un Liceo d'Avvenire

Arconate - Incontro con Marco Tarquinio.2

Una lezione diversa dalle altre quella di mercoledì 24 aprile al Liceo Linguistico di Arconate. Tenuta da un ospite d’eccezione, Marco Tarquinio, direttore del quotidiano nazionale ‘Avvenire’, con ‘riflessioni a margine del caso di Asia Bibi: diritti dell’uomo, libertà religiosa, responsabilità dei media’. Dopo una breve introduzione sul giornale, fondato 45 anni fa, la conferenza ha sensibilizzato i ragazzi sull’universalità e la necessaria condivisibilità di alcuni diritti fondamentali dell’uomo. Purtroppo ancora oggi in due terzi del mondo avere un’opinione, in particolare religiosa, è sinonimo di rischio e pericolo in zone dove domina un’idea forte ed esclusiva. Come in Pakistan, dove vive Asia Bibi. Asia Bibi è una donna cristiana cattolica, condannata a morte e in carcere dal 2009 con l’accusa di blasfemia. Un caso emblematico di ingiustizia legato alla libertà religiosa, raccontato come simbolo delle gravi difficoltà di pace e convivenza tra religioni diverse che ancora oggi esistono in numerose aree del mondo. Arconate - Incontro con Marco Tarquinio, Asia BibiUn caso, per la cui liberazione sono state consegnate al direttore di ‘Avvenire’, al termine della conferenza, 474 firme. Il diritto all’intangibilità di ogni persona, di pensare e di credere liberamente sono per noi valori imprescindibili. Il diritto di credere in ciò che è importante nella vita è da noi comunemente accettato. Riflettere su altre realtà ha portato gli studenti ad allargare lo sguardo, ad agire con una raccolta di firme e a comprendere la necessità che i media raccontino le storie delle persone che ogni giorno si comportano in modo giusto e corretto. Perchè non sia il ‘male’ a finire in prima pagina.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento