meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 27°
Lun, 17/06/2024 - 18:50

data-top

lunedì 17 giugno 2024 | ore 19:35

Premio Giornalistico 'Almerigo Grilz'

Il riconoscimento valorizza il lavoro dei giovani giornalisti al di sotto dei 40 anni e può contare su una giuria presieduta da Toni Capuozzo e composta da Maurizio Belpietro, Fausto Biloslavo, Giovanna Botteri, Gian Marco Chiocci, Peter Gomez, Mauro Mazza, Gian Micalessin, Gabriele Micalizzi, Alessandro Sallusti, Francesco Semprini e Gabriella Simoni.
Milano - Premio Giornalistico 'Almerigo Grilz', 2024

Presentata oggi a Palazzo Lombardia la prima edizione del Premio Giornalistico 'Almerigo Grilz', dedicato al primo reporter italiano caduto in un teatro di guerra dalla fine del secondo conflitto mondiale.
 
RICONOSCIMENTO PER I GIOVANI GIORNALISTI - Il riconoscimento valorizza il lavoro dei giovani giornalisti al di sotto dei 40 anni e può contare su una giuria presieduta da Toni Capuozzo e composta da Maurizio Belpietro, Fausto Biloslavo, Giovanna Botteri, Gian Marco Chiocci, Peter Gomez, Mauro Mazza, Gian Micalessin, Gabriele Micalizzi, Alessandro Sallusti, Francesco Semprini e Gabriella Simoni.
 
I vincitori del Premio Giornalistico saranno comunicati questa sera a partire dalle 19 nel corso di un evento in programma al Teatro dell'Arte della Triennale di Milano. Intanto oggi, a Palazzo Lombardia, è stato annunciato che un 'Premio speciale' alla memoria è stato attribuito all'inviato di guerra Franco Di Mare, scomparso nei giorni scorsi. "Doveva essere un riconoscimento alla carriera - ha chiosato Gian Micalessin - purtroppo però Franco ci ha lasciati troppo presto".
 
ESPOSIZIONE MULTIMEDIALE - Contestualmente è stata inaugurata, nello spazio Isola Set di Palazzo Lombardia, alla presenza del presidente del Senato, la mostra multimediale intitolata 'Gli Occhi della Guerra' che ripercorre i maggiori conflitti sullo scenario mondiale dal 1982 attraverso testi, fotografie e video di Almerigo Grilz, Fausto Biloslavo e Gian Micalessin. L'esposizione sarà visitabile con ingresso libero e gratuito da oggi fino al 2 giugno 2024.
 
ASSESSORE ALLA CULTURA - "Sono lieta di supportare come Regione Lombardia - ha affermato l'assessore regionale alla Cultura - un premio pensato per i giovani, che costituisce incentivo a svolgere la professione in modo libero e coraggioso, come ha fatto Almerigo Grilz. Il riconoscimento e la mostra sono un omaggio alla sua figura e un ringraziamento per chi, come lui, ha la forza e la bravura di raccontare i conflitti sul campo, offrendo contributi preziosi per tutti noi".
 
ASSESSORE ALLA SICUREZZA - "Ricordare Almerigo Grilz - ha detto l'assessore regionale alla Sicurezza - mi coinvolge dal punto di vista emotivo perché ho avuto l'onore di conoscerlo personalmente: era una delle migliori menti di quel periodo e ha inciso nella vita giornalistica e culturale del Paese. La speranza è che i giovani possano ereditare da lui il coraggio e la passione che metteva nel suo lavoro di inviato di guerra".
 
PRESIDENTE DEL SENATO - "Queste iniziative - ha detto il presidente del Senato - onorano la memoria di Almerigo Grilz rimediando a un oblio fin troppo lungo. Ho conosciuto molto bene Almerigo, era uno dei miei amici più cari ed era un giornalista che davvero andava sulla prima linea del fronte per documentare i conflitti dimenticati. Mi riempie di gioia il fatto che ora il ricordo venga condiviso da persone di diversi orientamenti politici e culturali. Da amico e da presidente del Senato mi sento di dire grazie ad Almerigo per il servizio che ha svolto a favore dell'informazione e della libertà".
 
Almerigo Grilz dal 1982 al 1987 ha raccontato sul campo i conflitti in Afghanistan, Etiopia, Filippine, Mozambico, Iran Cambogia e Birmania. I suoi reportage sono andati in onda sul TG1, Canale 5, CBS (Usa), Antenne 2 (Francia), NBC (Usa), NDR (Germania) e sono stati pubblicati da testate come Panorama, Avvenire, Sabato, Rivista Italiana Difesa, Sunday Times, L'Express e Jane's Defence Weekly. Grilz muore a 34 anni nel 1987 mentre documenta, cinepresa alla mano, il conflitto in Mozambico.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Invia nuovo commento