meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue, leggera pioggia 13°
Ven, 30/09/2022 - 17:50

data-top

venerdì 30 settembre 2022 | ore 18:34

Banca di Legnano verso la fusione?

Legnano - Banca di Legnano

Si torna, purtroppo, a parlare di 'Banca Unica', della fusione cioè in Bpm delle controllate Banca di Legnano, Cassa di Alessandria e Popolare di Mantova. La notizia, già smentita a febbraio, è tornata d'attualità oggi a seguito dell'aumento di capitale monstre di 1,2 miliardi e della discussione sulla «radicale semplificazione e riorganizzazione del gruppo».
La fusione delle tre banche genererà un rilevante risparmio di costi per il gruppo, oltre ai vantaggi fiscali (con il venir meno delle imposte sulle operazioni infragruppo), ma priverà soprattutto Legnano della "sua" banca di riferimento, vicina ai 125 anni di vita.
In un momento non facile per l'economia e in una città come la nostra dove la parola tradizione ha un valore profondo, "perdere" la Banca di Legnano equivarrebbe a un danno enorme, forse incalcolabile. L'istituto da sempre è un punto di riferimento per la vita finanziaria locale, ma, se pensiamo alle forme di aiuto che offre alla città e alle sue espressioni associative, anche per l'attività sociale, assistenziale, sportiva, paliesca.
La Banca di Legnano, insomma, è da sempre ben inserita e partecipe nel tessuto socio-economico dell'Alto Milanese. La sua fine non sarebbe certo indolore per il territorio. Per questo ci auguriamo davvero che l'istituto di piazza Meda torni sui suoi passi.
A dir il vero, comunque, c'è anche da aggiungere, come rileva "Il Sole 24 ore", forse "si tratta solo di schermaglie tattiche (...), per eliminare tre consigli di amministrazione e tre direzioni generali, sostituite da tre aree commerciali. Eliminando poltrone (ed emolumenti), che spesso sono ricoperte dai consiglieri della Bpm".
Tra i contrari alla fusione, ricordiamo proprio il presidente della Banca di Legnano, prof. Enrico Corali (consigliere Bpm in quota Fisac-Cgil). E nel consiglio di Bpm siede anche il vicepresidente della Legnano Emilio Castelnuovo. Stesso discorso per le altre controllate.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Invia nuovo commento