meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nessuna nuvola significante
Mar, 25/01/2022 - 19:50

data-top

martedì 25 gennaio 2022 | ore 19:02

Profondo blu

Moda - Osklen

Elettrico, cobalto, zaffiro, marinaro. E ancora, royal, notte, intenso, ma sempre elegante. È il blu il vero protagonista di questa primavera. Ricercato e impegnativo, ma mai eccessivo, il blu riesce a rendere speciale anche il capo più semplice di un guardaroba qualunque: una blusa, un paio di pantaloni, una giacca, se tinte di blu, assumono subito un’allure di eleganza e femminilità. Da sempre fonte d'ispirazione e di serenità, il blu ha colorato la storia dell’arte e della cultura: dalla ‘Rapsodia in blu’ di Gershwin al periodo Blu di Picasso, dal blu dei nudi di Matisse al ‘blu dipinto di blu’ di Modugno, artisti, cantanti, scrittori e musicisti sono rimasti folgorati dal suo potere ipnotico e dalla sua calma apparente. Ma mai piatta.
E così è stato anche per la moda. Quest’anno torna alla ribalta e conquista la scena in una primavera che non è mai stata così colorata. Sprazzi di luce, ammassi di tinte forti, caos e genio. Ma arriva il blu e torna l’ordine e l’equilibrio. Molti gli stilisti e le maison stregate dal principe dei colori, che non hanno saputo resistere a ‘dedicare’ qualche capo delle proprie collezioni al ‘nobil’ blu.
Ci prova la griffe inglese Alexander McQueen a portare un po’ di rigore in una collezione variegata ed estrosa come il compianto stilista con un tailleur smanicato blu notte, ma è blu anche per Ennio Capasa, direttore creativo di CnC Costume National, che da anni ne ha fatto la propria bandiera, scegliendo la gradazione elettrica per molti capi della sua collezione. Sempre più blu per Fendi, che tenta di rendere più serioso un tailleur bon ton in pvc. Sa di non sbagliare Krizia Top, inserendo nella sua collezione, già elegantissima e incantevole, un completo di raso cobalto con corpetto a corolla per illuminare una sera informale. Blu anche per la maison brasiliana Osklen che alla tonalità ha dedicato praticamente l’intera collezione, declinandola in tutte le gradazioni possibili. Stessa scelta fatta anche da Re Giorgio, che declina la tonalità delle donne Tuareg in 25 sfumature diverse, per una collezione impalpabile e magica, intitolata appunto ‘La femme bleu’.
Un viaggio in terre lontane, librandosi nel cielo sopra il mare, dove i due blu si incontrano: questo evoca il colore più raffinato che esista. Avete un capo blu nell’armadio, che è rimasto nell’angolo in disparte e che non usate da anni? Bene, tiratelo fuori perché è arrivato il suo momento. Perché il blu è eleganza e l’eleganza non passa mai di moda.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento