meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue
Ven, 08/12/2023 - 13:50

data-top

venerdì 08 dicembre 2023 | ore 14:58

'Casa della Luna'

Si chiama 'Casa della Luna' ed è un progetto pilota di coabitazione per giovani con disturbo dello spettro autistico finanziato da Regione Lombardia e progettato dal Consorzio sociale pavese e Marta scs onlus.
Attualità - Autismo (Foto internet)

Si chiama 'Casa della Luna' ed è un progetto pilota di coabitazione per giovani con disturbo dello spettro autistico finanziato da Regione Lombardia e progettato dal Consorzio sociale pavese e Marta scs onlus. L'iniziativa, partita nelle scorse settimane, è stata illustrata a 'Villa Maria' di Pavia alla presenza dell'assessore alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità della Regione Lombardia, Elena Lucchini.

Il progetto si sviluppa come una soluzione residenziale innovativa. Il suo obiettivo principale è infatti la progettazione di un contesto abitativo specifico, dove le persone con disturbi dello spettro autistico possono trovare le migliori risposte per una buona qualità della vita attraverso l'utilizzo di strategie e metodologie educative dedicate. Particolare attenzione sarà posta ai bisogni riabilitativi e sanitari di ogni singola persona.

Anche le famiglie saranno protagoniste. Collaboreranno infatti attivamente nella costruzione e realizzazione del progetto di vita dei loro figli. Gli appartamenti di 'Villa Maria' consentiranno, infatti, a 5 giovani con disturbi dello spettro autistico di vivere, con il supporto di personale specializzato, una nuova esperienza di co-housing e compiere un passo decisivo verso la vita adulta.

"Il progetto Casa della Luna - ricorda Elena Lucchini - Regione Lombardia ha voluto fortemente un Piano regionale per l'autismo e ha previsto risorse importanti per dare una risposta appropriata ed efficace alla complessità dei problemi connessi alla tutela alle persone con disabilità gravissima. Resta dunque fondamentale creare le condizioni strutturali e i contesti tecnici innovativi per una integrazione, la più articolata possibile. E' infatti importante mettere al centro la capacità di un territorio di integrare interventi di sostegno abitativo e sociale con specifici supporti di cura, assicurando la qualità di vita delle persone che scelgono di co-abitare. La persona diviene così protagonista del proprio progetto di vita - conclude Elena Lucchini - tenuto conto delle sue risorse, dei suoi bisogni, delle sue relazioni, dei suoi desideri e obiettivi, in un'ottica di affermazione del diritto all'autodeterminazione".

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Invia nuovo commento