meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 17°
Ven, 19/04/2024 - 16:50

data-top

venerdì 19 aprile 2024 | ore 17:42

"Basta, siamo umani!"

“Dobbiamo accogliere tutti, anche se è difficile. Non possiamo più ragionare così… Sono persone come noi!”, parole di don Rosario Morrone di Crotone.
Attualità - Relitto sulla spiaggia di Crotone

Negli scorsi giorni il sito 'Vatican News' ha ripreso le testimonianze del parroco di Crotone don Rosario Morrone.
“Erano davanti a me, i miei fratelli. Morti... Non ho visto il loro volto, Quando sono arrivato erano tutti nei bustoni bianchi. Mi sono detto: qui ci sono esseri umani. C’era una bimba di 9 anni in una busta, un altro piccoletto sempre in una busta… Avevano i volti nostri, dei nostri bambini, dei bambini che frequentano il catechismo in parrocchia. Sono esseri umani, come me, come te!”. Don Rosario Morrone, parroco di Botricello, frazione del crotonese a pochi chilometri dal luogo del drammatico naufragio sulle coste calabresi, è stato uno dei primi a recarsi sulla spiaggia.
Il sacerdote aveva appena finito di celebrare la Messa, quando un parrocchiano l’ha avvertito: “Don Rosario, c’è stato uno sbarco. Una tragedia!”. Subito si è recato sulla costa, le cui immagini ieri sono state pubblicate dai siti di tutto il mondo. Quaranta corpi, avvolti nelle coperte termiche. “Mi sono piegato su di loro e li ho benedetti. All’inizio ho pregato e ho detto al Signore di accoglierli. C’era un vento forte, per noi cristiani il vento è simbolo dello Spirito Santo… E ho pensato: ma Lui è l’Altissimo, è il Dio dell’amore, c’è bisogno che glielo dica io di accoglierli? Lo avrà già fatto. Allora mi sono detto pure che forse bisogna cambiare preghiera, che devo chiedere al Signore di raccogliere il grido di aiuto dei bisognosi, degli ultimi, dei fragili, e che tutti noi, credenti e non, dovremmo metterci insieme e ragionare in un’altra maniera: che dobbiamo diventare umani!”.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Invia nuovo commento