meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno
Sab, 22/01/2022 - 18:50

data-top

sabato 22 gennaio 2022 | ore 18:20

Da Milano a Parigi: è... moda

Il capoluogo lombardo passa simbolicamente il testimone alle emozioni parigine, puntando tutto sui talenti emergenti. Stilisti in passerella per stupire e coinvolgere.
Tempo Libero Moda - Alviero Martini

Si è chiusa col botto la Settimana della Moda di Milano. Oltre 2 mila giornalisti e circa 15 mila tra addetti ai lavori e buyer, che vanno a sommarsi alle oltre 14500 attività legate alla moda nella Provincia di Milano, che producono oltre 134 miliardi di ricchezza, quasi il 13% del dato nazionale: questi i numeri da capogiro che fanno capire quanto la moda non sia solo stile e abbigliamento, ma molto di più.
Sulle passerelle ieri, a fare da apripista alle giovani promesse, è stato l’ultimo dei nomi affermati, Prima Classe Alviero Martini, che ha fatto sfilare una donna molto british anni ’70. Suggestioni country e linee raffinate si mescolano a delineare una collezione orientata tutta ai capispalla, declinati in vari modi e maniere. Must della stagione anche qui è la pelliccia e le frange di lana, che movimentano blazer, giacche e gonne. I colori sono i classici beige, blu, grigio e sabbia, per un’eleganza moderna.
A seguire, hanno conquistato la scena e i presenti i talenti emergenti delle iniziative N-u-De (New Upcoming Designers) e Next Generation, organizzate e promosse dalla Camera Nazionale della Moda Italiana. Tanti i nomi presentati, tra cui hanno spiccato Chicca Lualdi BeeQueen, Francesca Liberatore e Alessia Crea, con la sua originale interpretazione dell’abito talare.
Ma se si pensa che la moda abbia finito di stupire per quest’anno, si commette un grosso errore. È cominciato proprio ieri l’importante appuntamento con la Settimana della Moda a Parigi, la cosiddetta ‘Mode à Paris’. Nove giorni densi di appuntamenti e di grandi nomi della moda internazionale, come Balenciaga, Chanel, Vuitton e Dior, che proprio in questi giorni ha dovuto affrontare lo scandalo dell’arresto del direttore creativo John Galliano, in seguito alle sue dichiarazioni antisemitiche e razziali in pubblico sotto effetto dell’alcool.
Se ne vedranno delle belle nei prossimi giorni a Parigi. Restate sintonizzati per non perdervi le ultime novità in fatto di moda e… gossip.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento