meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole sparse 29°
Ven, 12/08/2022 - 15:20

data-top

venerdì 12 agosto 2022 | ore 16:13

Suor Luisa, 'l'angelo dei bambini di strada'

Proprio il 27 giugno avrebbe compiuto 65 anni. Una mano assassina le ha impedito di festeggiare, due giorni prima della ricorrenza.
Attualità - Suor Luisa con alcuni giovani

Proprio il 27 giugno avrebbe compiuto 65 anni. Una mano assassina le ha impedito di festeggiare, due giorni prima della ricorrenza. Soprattutto, però, l’ha sottratta alla relazione con i tanti che la stimavano e l’amavano. E che con lei collaboravano. Per la diffusione del Vangelo. La promozione degli ultimi. La tutela e il futuro dei piccoli. Caritas Ambrosiana e Caritas Italiana collaboravano ormai da un decennio con suor Luisa Dell’Orto, Piccola sorella del Vangelo di Charles de Foucauld, originaria di Lomagna (provincia e zona pastorale di Lecco), da 20 anni attiva ad Haiti, dopo esperienze missionarie in Camerun e Madagascar. L’avevano conosciuta dopo il devastante terremoto che aveva colpito il paese caraibico all’inizio dello scorso decennio. Ne era scaturito un lavoro comune su più fronti: il consolidamento della rete pastorale e sociale (con progetti volti al rafforzamento della rete delle Caritas diocesane e territoriali), la promozione del volontariato (con l’invio da Milano e dall’Italia di volontari in servizio civile e la conduzione, in altrettante estati, di 6 Cantieri della solidarietà) e soprattutto l’educazione (affiancando e formando i giovani animatori del centro di aggregazione Kay Chal, di cui suor Luisa era il perno e l’anima, rivolto a minori, giovani e restavek, i baby-schiavi domestici delle baraccopoli della capitale Port-au-Prince, e finanziando successivamente insieme a Caritas Italiana la costruzione del nuovo centro). “Suor Luisa – sostiene Luciano Gualzetti, direttore di Caritas Ambrosiana – era l’incarnazione autentica di quelle donne che, come ha detto l’arcivescovo Mario Delpini, “percorrono le strade più pericolose del mondo e abitano le case più indifese” ma non “vanno a cercare pericoli”, bensì “vanno per diventare preghiera, offerta, amicizia, seme che muore per portare frutto” e annunciare il Vangelo. Una donna giusta, coraggiosa, lucida, determinata, concreta. Oggi “martire della carità”, come non ha esitato a definirla papa Francesco. Per noi era un riferimento irrinunciabile, in una delle terre più complicate, povere e violente del mondo. Ci mancherà. Ma la sua eredità operativa, materiale e spirituale non si inaridirà. Faremo di tutto perché continui a portare nuovi frutti per lo sfortunato e vitale popolo di Haiti”. Ai tanti operatori e volontari ambrosiani, italiani e haitiani che lungo un decennio hanno collaborato con suor Luisa nell’ambito dei numerosi progetti comuni, Caritas Ambrosiana ha chiesto di formulare una testimonianza. Ne è scaturita una pagina del sito di Caritas Ambrosiana destinata a popolarsi, nei prossimi giorni, di pensieri, ricordi, ringraziamenti, con testi e foto.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Invia nuovo commento