meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno
Lun, 18/10/2021 - 08:20

data-top

lunedì 18 ottobre 2021 | ore 08:45

'Scherzi a parte' a Volandia

Il Parco e Museo del Volo alle porte di Malpensa teatro dello scherzo a Ciccio Graziani, campione del Mondo a Spagna '82. La nota trasmissione di Canale 5 nel territorio.
Territorio / Televisione - 'Scherzi a parte' a Volandia

Il mitico DC-9 sul quale hanno viaggiato Sandro Pertini, altri presidenti della Repubblica Italiana e Papa Giovanni Paolo II (l'aereo gemello di quello che ha riportato a casa l'Italia campione del mondo a Spagna '82); sullo sfondo, poi, i padiglioni e l'area esterna di Volandia, il Parco e Museo del Volo alle porte di Malpensa, dove appunto il velivolo si trova; e, infine, lui, nientemeno che Ciccio Graziani, tra i protagonista, appunto, della spedizione 'Azzurra' che alzò la coppa al cielo. Qui, per partecipare alla trasmissione 'Eroi Mondiali' e raccontare e rivivere alcuni di quei momenti indimenticabili e magici. O almeno questo pensava. Già, perché, di lì a poco, invece, sarebbo stato 'vittima' di 'Scherzi a parte'. E, allora, via alle tante risate, almeno per gli ospiti in studio e per i telespettatori. Un collegamento, un secondo, un altro ancora, tutti interrotti da una serie di intoppi, fino al 'clou' quando l'ex bomber di Torino, Roma e Fiorentina, invitato a portare sul set la giacca della Nazionale indossata durante l'avventura spagnola (però, magistralmente sostituita con la complicità di Fulvio Collovati, con una identica, ma finta, poco dopo il suo arrivo) se l'è vista bruciare sotto i suoi occhi da un mozzicone di sigaretta. E, ovviamente, potete immaginare lo sguardo e lo stupore negli occhi e nella testa, misti all'arrabbiatura, almeno fino all'arrivo davanti agli studi di Mediaset quando ha scoperto di essere, appunto, su 'Scherzi a parte' e, soprattutto, ha ritrovato la sua (vera) giacca.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento