meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue 17°
Gio, 05/08/2021 - 00:20

data-top

giovedì 05 agosto 2021 | ore 01:30

Zucchi, direttore Riabilitazione Specialistica

La dottoressa Anna Giulia Zucchi è il nuovo direttore della struttura complessa Riabilitazione Specialistica della Asst Ovest Milanese.
Salute - La dottoressa Anna Giulia Zucchi

La dottoressa Anna Giulia Zucchi è il nuovo direttore della struttura complessa Riabilitazione Specialistica della Asst Ovest Milanese. Nel 1991, la dottoressa Zucchi si è specializzata con il massimo dei voti e lode in Medicina Fisica e Riabilitazione presso l’ Università degli Studi di Milano e ha svolto molteplici attività professionali: ha frequentato come medico volontario l’Unità Spinale dell’ospedale di Magenta, all’epoca diretta dal professor Zanollo, dove ha potuto approfondire gli aspetti riabilitativi della 'mielolesione', con particolare attenzione al trattamento riabilitativo dell’emiplegico mediante l’utilizzo della tossina botulinica e la riabilitazione del piano perineale e dell’incontinenza urinaria femminile. Nel 2016, ha partecipato alla costituzione della 'Pelvic Unit' aziendale. Dalla fine degli anni 90, in collaborazione con i chirurghi plastici dell’ospedale Fornaroli di Magenta, si è occupata di 'Riabilitazione della Mano', curando personalmente la confezione di ortesi personalizzate
Dal 2013, si occupa di riabilitazione di pazienti ricoverati nel Reparto di degenza Riabilitazione Specialistica del 'Fornaroli' e ne ha curato il trasferimento, nel dicembre 2018, presso l’attuale sede di Abbiategrasso. Attualmente, coordina l’attività riabilitativa ambulatoriale e quella rivolta ai reparti di degenza dei quattro ospedali dell’Asst Ovest Milanese.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento