meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo coperto 10°
Dom, 11/04/2021 - 20:50

data-top

domenica 11 aprile 2021 | ore 21:05

"Vaccinato e dal virus mi han salvato..."

Umberto, 90 anni di Milano, dopo avere ricevuto la prima dose del vaccino, ha voluto ringraziare medici e infermieri con una poesia che ha appeso all'ospedale Niguarda.
Milano / Storie - La poesia appesa all'ospedale Niguarda

Lui è Umberto, ma per tutti, ormai, è diventato il 'nonno poeta'. E, in fondo, forse diversamente non avrebbe potuto essere ribattezzato, perché proprio con strofe e rime ha voluto ringraziare medici e infermieri, oggi impegnati nelle vaccinazioni contro il Covid-19, ma più in generale per il grande impegno che ormai da un anno stanno portando avanti in questa lunga e difficile battaglia. Anzi, alla fine, ha fatto molto di più, appendendo quella poesia all'ospedale Niguarda di Milano, dove si è recato, appunto, per essere vaccinato. "Avevo il terrore del Coronavirus - ha raccontato lo stesso Umberto, 90 anni milanese - Pensate che nell'ultimo anno uscivo solo per fare rapide spese e, poi, subito a casa, così il virus non mi ha cuccato". Ma, adesso, dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino e in attesa della seconda, non nasconde di sentirsi un po' più tranquillo e sollevato e così ecco che ha deciso di scrivere un messaggio, per dire grazie al personale sanitario che, dalla primavera del 2020 (quando è cominciata la pandemia), non si sta risparmiando un attimo, pur di portarci fuori, il prima possibile, da questi dodici mesi bui. "Avevo timore, ma lor mi hanno vaccinato - è il testo della poesia - e dal virus mi han salvato. Quindi, non pensarci più e vaccinati anche tu". "Poche e semplici parole - ha concluso il 'nonno poeta' - che però arrivano dal cuore e che spero possano essere un messaggio di speranza per il presente ed il futuro".

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento