meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo coperto 11°
Dom, 11/04/2021 - 19:50

data-top

domenica 11 aprile 2021 | ore 20:35

Obesità: chirurgia bariatrica

"L’obesità va riconosciuta come malattia e va potenziata la chirurgia bariatrica": approvata in consiglio regionale la mozione presentata da Luca Del Gobbo, di 'Noi con l'Italia'.
Salute - Obesità (Foto internet)

“L’obesità va riconosciuta come malattia e va potenziata la chirurgia bariatrica, anche attraverso la creazione di nuovi centri specializzati in Lombardia”. È il contenuto della mozione presentata da Luca Del Gobbo, consigliere regionale di 'Noi con l’Italia' e che il consiglio regionale della Lombardia ha approvato. “In Italia – ha spiegato Del Gobbo – gli obesi sono circa sei milioni, il 10% della popolazione (percentuale sovrapponibile in Lombardia). Parliamo di persone che, se non curate, hanno una aspettativa di vita inferiore di 10 anni rispetto ai normopesi e un’incidenza delle patologie tumorali più alta del 10%. Purtroppo, in generale esiste una scarsa consapevolezza di come il bisturi possa rappresentare, nei casi più gravi, l’unica “arma” per allungare la vita e assicurare una cura definitiva nel 60/80% dei casi”. Del Gobbo ha individuata alcune soluzioni approvate dall’aula consiliare: “Ho chiesto al Presidente Fontana e alla sua giunta di attivarsi innanzitutto per promuovere una campagna di sensibilizzazione e educazione alimentare, cominciando dalle scuole: prevenire è sempre meglio che curare. Poi, in collaborazione con le ASST del territorio, va potenziata la conoscenza delle possibilità offerte dalla chirurgia bariatrica, anche attraverso la creazione di nuovi centri accreditati. I numeri – conclude Del Gobbo – ci dicono che fin qua abbiamo sottovalutato troppo questa patologia. Il risultato raggiunto oggi con l'approvazione della mozione ci mette sulla buona strada per recuperare terreno”.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento