meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nessuna nuvola significante -5°
Mar, 19/01/2021 - 03:50

data-top

martedì 19 gennaio 2021 | ore 04:03

Case popolari: nuovo bando assegnazione

Sono 560 i nuovi alloggi popolari pronti per essere assegnati e 2.608 le domande trasmesse in una settimana. Questi i primi dati rilevanti relativi al nuovo avviso pubblico per l'assegnazione di alloggi popolari nell'ambito territoriale del Comune di Milano.
Territorio - Bando case popolari (Foto internet)

Sono 560 i nuovi alloggi popolari pronti per essere assegnati e 2.608 le domande trasmesse in una settimana. Questi i primi dati rilevanti relativi al nuovo avviso pubblico per l'assegnazione di alloggi popolari nell'ambito territoriale del Comune di Milano. Il bando è stato aperto il 20 novembre e si chiuderà il 31 dicembre 2020. Le tipologie abitative includono appartamenti di proprietà di Aler Milano e di MM (Metropolitana Milanese), il gestore comunale delle case popolari. DA REGIONE MASSIMA ATTENZIONE SUL TEMA CASA - "L'attenzione e l'impegno di Regione Lombardia sui temi della casa - spiega l'assessore regionale alle Politiche sociali, abitative e Disabilità, Stefano Bolognini - sono massimi. Basti pensare che, stando all'ultimo aggiornamento a inizio novembre, sono stati recuperati, in tutta la Lombardia, 4.303 alloggi. E questo su un totale di 4.560 abitazioni per cui è stata finanziata la ristrutturazione. Siamo, quindi, al 94% del totale". ALER MILANO HA COMPLETATO LE RISTRUTTURAZIONI - "In questo quadro - chiarisce l'assessore - va sottolineato come Aler Milano abbia recentemente completato il recupero di tutti i 2.682 alloggi con lavori finanziati. Alcune sentenze e l'emergenza coronavirus hanno rallentato, durante il 2020, le assegnazioni. Ora, vista la disponibilità di alloggi, contiamo di poter svolgere, a partire da questo bando, le procedure di assegnazione in maniera più rapida e spedita".

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento