meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nessuna nuvola significante -6°
Mar, 19/01/2021 - 02:50

data-top

martedì 19 gennaio 2021 | ore 03:01

"Sottoscrizione dei PUC"

Quanti sono i percettori di Reddito di Cittadinanza e Pensione di Cittadinanza a Magenta? E come possono essere impiegati? Un'interrogazione presentata da Progetto Magenta.
Attualità - Reddito di Cittadinanza (Foto internet)

Quanti sono i percettori di Reddito di Cittadinanza e Pensione di Cittadinanza nel Comune di Magenta? E come possono essere impiegati in progetti utili di collettività? Seguendo l’esempio di Comuni limitrofi, che nei mesi scorsi si sono adoperati per coinvolgere nella vita comunitaria i percettori di misure di sostegno sociale, come la vicina Corbetta, Progetto Magenta ha presentato un’interrogazione sul tema all’Amministrazione comunale. “La sottoscrizione dei PUC per i percettori del Reddito di Cittadinanza, oltre che essere uno specifico vincolo presente nel contesto legislativo in oggetto, è anche uno strumento utile all’inclusione e al reinserimento nella vita sociale attiva del Comune - commenta Silvia Minardi, capogruppo e consigliere comunale. - E gli oneri per l’attivazione e la realizzazione di tali progetti non gravano nemmeno sul bilancio comunale”. “Questi progetti partono dai bisogni e dalle esigenze della comunità; la mancanza della loro attuazione si configura come scarsa attenzione alle necessità della cittadinanza stessa, oltre che come perdita di un’occasione per generare opportunità di crescita per le persone coinvolte” aggiunge Roberto Bertani, membro di Progetto Magenta. Ma quali sono le aree che appaiono maggiormente bisognose di un tale aiuto aggiuntivo? “Visto il periodo attuale, direi il sociale. La città di Magenta gode di un tessuto associativo ricco e attivo, ma non si può fare sempre e solo affidamento sulle associazioni”. Il Comune di Magenta appare, purtroppo, poco attento ai soggetti più deboli: la stessa Progetto Magenta ha recentemente denunciato anche come i lavori di sistemazione stradale di via Garibaldi abbiano portato all’inaccessibilità del marciapiede per disabili, anziani, mamme con passeggino, tutti costretti a camminare sul manto stradale, con evidente pericolo.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento