meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 27°
Ven, 10/07/2020 - 10:20

data-top

venerdì 10 luglio 2020 | ore 10:36

Liberate i bambini

L'Italia che è ripartita e sta ripartendo, ma i bimbi, i primi a vivere il lockdown, sono costretti a stare ancora fermi. E' il momento di farli tornare a vivere davvero.
Sociale - Bambini e Coronavirus (Foto internet)

Negozi, aziende, bar, ristoranti e, poi, anche le palestre, le piscine, i musei, i cinema, ecc... un po' alla volta hanno riaperto e stanno riaprendo, ma i bambini, beh quelli no, o meglio dovranno attendere ancora qualche giorno (con ogni probabilità il 15 giugno prossimo, almeno per alcuni servizi). E fa niente se sono stati i primi a confrontarsi (era la fine di febbraio) davvero con il cosiddetto 'lockdown' (molto spesso, infatti, tutti noi, presi dalle continue lamentele e dalle critiche, purtroppo, di questo ce ne dimentichiamo oppure facciamo finta di dimenticarcene) perché per adesso sono costretti di nuovo a rimanere in disparte. Basta, allora, liberiamoli, in fondo glielo dobbiamo. Già, glielo dobbiamo per cento e mille motivi. Glielo dobbiamo, innanzitutto per i loro enormi sacrifici: niente scuola ormai da mesi e mesi, attività sportive, di svago e relax alle quali hanno dovuto rinunciare, nemmeno la possibilità, ora che il nostro Paese si è rimesso in moto, di andare in qualche area verde a trascorrere del tempo in libertà, eppure li avete mai visti 'piagnucolare' come abbiamo fatto, in più occasioni, noi adulti? Assolutamente no! Glielo dobbiamo, dunque. Glielo dobbiamo, appunto, per questo e, poi, anche perché siamo sicuri che i più piccoli sarebbero i primi a rispettare alla lettera le indicazioni, le regole e le misure che ci vengono date. Loro, infatti, a differenza di tanti grandi, l'hanno capito, fin da subito, che se si esce bisogna indossare la mascherina oppure che serve lavarsi ed igienizzarsi le mani o ancora cosa significa la parola distanziamento sociale; loro, i bambini, gli stessi che, se vedono qualcosa che non va (almeno una volta sarà capitato durante questo periodo) sono pronti a rimproverarci per ricordarci proprio quali sono i comportamenti che dobbiamo tenere. Ecco, quindi, per tutto ciò e per molto altro, vogliamo finalmente 'liberarli' e farli tornare a vivere.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento