meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo coperto
Sab, 05/12/2020 - 05:50

data-top

sabato 05 dicembre 2020 | ore 06:04

'Spesa sospesa del contadino a domicilio'

Per aiutare a combattere le nuove povertà e affrontare la crescente emergenza alimentare, dagli agricoltori di Campagna Amica arriva la 'Spesa sospesa del contadino a domicilio'.
Sociale - 'Spesa sospesa del contadino a domicilio' (Foto internet)

Per aiutare a combattere le nuove povertà e affrontare la crescente emergenza alimentare, direttamente dagli agricoltori di Campagna Amica arriva l’iniziativa 'Spesa sospesa del contadino a domicilio'. Lo annuncia la Coldiretti nel sottolineare che i cittadini che per la spesa scelgono i prodotti degli agricoltori di Campagna Amica possono decidere di donare un pacco alimentare alle famiglie più bisognose sul modello dell’usanza campana del 'caffè sospeso', quando al bar si lascia pagato un caffè per il cliente che verrà dopo. In questo caso si tratta però di frutta, verdura, farina, formaggi, salumi o altri generi alimentari Made in Italy, di qualità e a km zero che gli agricoltori di Campagna Amica andranno a consegnare gratuitamente alle famiglie bisognose in accordo con i Comuni o con le associazioni che si occupano di aiutare le persone in difficoltà. Le iniziative di solidarietà sono partite oggi (martedì 31 marzo): a Milano i primi pacchi solidali salva dispense per alcune famiglie residenti nelle case popolari di un quartiere vicino al mercato contadino di Porta Romana. Altre iniziative, poi, a Roma, con frutta, verdura, riso e pasta alla Casa di accoglienza delle Piccole Sorelle in piazza San Pietro in Vinci 6, fino in Puglia a Brindisi con la consegna dei prodotti agricoli e agroalimentari donati dagli agricoltori del Mercato contadino di Campagna Amica di Via Appia 226 alla mensa diocesana degli indigenti della parrocchia della Cattedrale. Per informazioni www.campagnamica.it. Si tratta di un’azione di grande responsabilità dell’agricoltura italiana in una situazione in cui le misure restrittive per contenere il contagio e la perdita di opportunità di lavoro, anche occasionale, hanno aggravato la situazione e aumentato il numero dei quasi 2,7 milioni di persone che in Italia sono costrette a chiedere aiuto per il cibo con la distribuzione di pacchi alimentari o nelle mense, secondo l’analisi della Coldiretti su dati Relazione annuale Fead del giugno 2019. Ad essere in difficoltà - conclude la Coldiretti - sono tra le categorie più deboli quasi 113mila senza fissa dimora, oltre 225mila anziani sopra i 65 anni, e 455 mila bambini di età inferiore ai 15 anni che ricevono aiuti alimentari distribuiti con i fondi Fead.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento