meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 21°
Lun, 06/07/2020 - 00:20

data-top

lunedì 06 luglio 2020 | ore 00:53

"Emergenza cimice asiatica"

"Stiamo parlando di una calamità che ha causato danni per oltre 700 milioni di euro nel 2019, di cui circa 200 in Lombardia”
Attualità - Cimice asiatica

“Per la xylella il Governo ha stanziato 300 milioni di euro a fondo perduto. Per la cimice asiatica 80 milioni di euro in tre anni. Non vorrei fosse considerata una emergenza di serie B. Stiamo parlando di una calamità che ha causato danni per oltre 700 milioni di euro nel 2019, di cui circa 200 in Lombardia”. Lo ha detto stamattina, alla Fieragricola di Verona, Fabio Rolfi, assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi Verdi sul tema della cimice asiatica.

Regione impegnata sul tema
“La Lombardia - ha aggiunto l'assessore Rolfi - è molto impegnata sul tema con un proprio piano di azione che presenteremo nei prossimi giorni alle associazioni agricole. Abbiamo fatto ben due bandi per l’installazione delle reti protettive alle colture e fatto uno stanziamento per il fondo funzionamento da 5 milioni e mezzo volto ad agevolare accesso al credito. Ora siamo pronti ad aderire al lancio dell’antagonista naturale, la vespa samurai, in ben 50 siti già individuati e avviare anche una sperimentazione specifica sulle pere con presidi specifici per la lotta biologica”.

Europeizzare il problema
“Siamo pronti a lavorare con il Governo e il mondo agricolo in modo unitario - ha rimarcato l’assessore - per europeizzare il problema: servono risorse comunitarie extra Pac per affrontare le emergenze e un via libera in deroga a usare prodotti chimici efficaci incautamente banditi in sede comunitaria senza una opposizione italiana”.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento