meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole sparse 11°
Mer, 20/11/2019 - 14:50

data-top

mercoledì 20 novembre 2019 | ore 15:26

Del Gobbo: "Sì ai seggiolini anti-abbandono, no alle tempistiche"

Il consigliere regionale, pur favorevole all'obbligo di installare il dispositivo anti-abbandono sui seggiolini, critica i tempi di entrata in vigore della norma.
Politica - Del Gobbo - seggiolini anti-abbandono

“Condivido il senso della norma, non le tempistiche e il rischio che i costi ricadano solo sulle famiglie. È assurdo e ingiusto”. Durissimo Luca Del Gobbo, consigliere regionale in Lombardia di Noi con l'Italia, che commenta la notizia, confermata dal ministero dei Trasporti, dell'entrata in vigore oggi, 7 novembre, dell'obbligo di installare il dispositivo anti-abbandono sui seggiolini per auto destinati ai bambini sotto i 4 anni. “È giusto l'obiettivo della legge – chiarisce Del Gobbo –: evitare che riaccadano episodi di abbandono di minori in auto. Ma non esiste annunciare l'obbligo, con una circolare del ministero dell'Interno, il giorno prima della sua entrata in vigore. E a poco serve dire che sul sito del Ministero dei Trasporti si avvertiva, il 29 ottobre, con ben 9 giorni di anticipo, il via all'obbligo. Sono tempi strettissimi. Le famiglie sono attonite e preoccupate: ci si attendeva un margine di tempo superiore per adeguarsi, il 6 marzo 2020, mentre alla data del 7 novembre sarebbero dovute diventare obbligatorie le sole caratteristiche tecniche, cui produttori e acquirenti dovevano conformarsi, lasciando 120 giorni alle famiglie per mettersi in regola”.
Sui costi da sostenere, Del Gobbo solleva un altro problema. “Ci sono gli incentivi, è vero. Ma non è ancora chiara quale sia la procedura di richiesta. L’unica certezza è che le risorse disponibili per alleggerire i costi sono insufficienti. I soldi a Bilancio coprono incentivi per l’acquisto di 500mila dispositivi, ma è stato calcolato che i bambini di età fino ai 4 anni, in Italia, siano quasi 2 milioni (dati Istat) per un totale di 3,2 milioni di seggiolini da mettere a norma (stima Assogiocattoli). Ergo. Lo Stato annuncia un obbligo 24 ore prima della sua entrata in vigore, dice alle famiglie: pagate subito, ti rassicura che gli incentivi ci sono, ma non chiarisce né come né dove richiederli e soprattutto non stanzia risorse sufficienti. È da irresponsabili”. Del Gobbo conclude augurandosi “che lo Stato provveda a rimediare e a correggere il prima possibile le conseguenze di un caos vergognoso”.

Invia nuovo commento