meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 32°
Mar, 05/07/2022 - 20:20

data-top

martedì 05 luglio 2022 | ore 21:06

Regionali: si avvicina il voto

Attualità - Elezioni

Quasi dieci milioni di abitanti, 12 province e ben 1546 comuni. La Lombardia, regione italiana più popolosa, si appresta ad andare al voto per la scelta del nuovo Governatore e dei nuovi consiglieri regionali. Stando al sorteggio effettuato, gli elettori che si recheranno alle urne si troveranno una scheda con queste possibili opzioni: il primo posto su schede e manifesti sarà per Savino Pezzotta, candidato Udc. Secondo posto per il candidato del Movimento di Beppe Grillo. Il terzo posto va a Filippo Penati, candidato per il Pd e centrosinistra e il quarto posto va alla lista Formigoni. Il quinto posto, invece, è stato assegnato al candidato della Federazione della Sinistra, Vittorio Agnoletto. Ultimo posto al candidato di Forza Nuova. Da questi nomi si deciderà il futuro della nostra regione, anche se, obiettivamente, la sfida sarà concentrata tra Roberto Formigoni (Presidente della Regione Lombardia dal 1995) e Filippo Penati (scorso Presidente della Provincia di Milano). L’interrogativo maggiore, che probabilmente assillerà non poco gli entourage dei candidati, riguarda il forte rischio astensionismo. L’esempio della scorsa settimana in Francia probabilmente insegna, soprattutto considerando i problemi che hanno accompagnato la presentazione delle liste con i ritardi e gli errori formali, e successivo decreto riparatorio. Tutti episodi che, probabilmente, oltre non essere stati totalmente compresi dall’opinione comune, hanno aumentato il disaffezionarsi della gente verso la politica. Rimane poi un altro grosso interrogativo: quanti sono i potenziali elettori che hanno realmente compreso i programmi delle liste in corsa? Tolti i gazebo nelle piazze, le pubblicità sui manifesti e sui giornali, alcuni incontri di partito, il dibattito sulle grandi questioni che caratterizzano il nostro vivere quotidiano ed il futuro della Lombardia è spesso passato in secondo piano: dai progetti per l’Expo 2015 agli incentivi per il lavoro e l’occupazione (ricordiamo che la nostra Regione è tra le più ricche del mondo, ma la crisi ha aperto enormi problematiche occupazionali), dalla sanità alla viabilità, dall’eventualità di future centrali nucleari nel nostro territorio regionale agli incentivi ambientali. C’è ancora una settimana per informarsi, poi, come sempre, sarà la democrazia a decidere il vincitore.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Invia nuovo commento