meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 18°
Mer, 30/09/2020 - 11:20

data-top

mercoledì 30 settembre 2020 | ore 12:20

Trecento mezzi verso Malpensa

Le lunghe notti del trasferimento di Linate allo scalo della provincia di Varese. Una carovana partirà da Milano e attraverserà le 'nostre' strade, per l'operazione 'Bridge'.
Malpensa - L'aeroporto

Trecento mezzi pronti a partire, destinazione Malpensa. Perché se tra pochissimi giorni ormai (dal 27 luglio) scatterà ufficialmente il cosiddetto 'Bridge', ossia il progetto realizzato da SEA per far fronte alla chiusura di Linate con il conseguente trasferimento delle attività tra gli scali di Orio al Serio, da una parte, e appunto l'aeroporto della provincia di Varese, dall'altra (voli e passeggeri), nelle ore appena precedenti (le notti del 25 e del 26) sarà, invece, la volta di spostare tutto il necessario. Un massiccio ed eccezionale trasloco dei veicoli e delle attrezzature aeroportuali, insomma, che da Milano, attraversando l'autostrada e la superstrada (sotto la stretta sorveglianza ed il coordinamento delle Forze dell'ordine), raggiungerà la struttura del nostro territorio, per poter proseguire qui le varie attività. E, come detto, i numeri sono certamente impressionanti: 300 mezzi complessivi, tra bus interpista, ascensori mobili, trattori elettrici, scale passeggeri, condizionatori aeromobili, gruppi elettrogeni carrellati, portacontainer, nastri per il carico e lo scarico bagagli, più nello specifico ogni singolo strumento che movimenta la vita di un aeroporto in pista e sui piazzali. Ma veicoli e apparecchiature saranno soltanto una parte dell'importante appuntamento, visto che in parallelo, ci sono, ovviamente, anche gli uomini, ovvero il personale, e anche in questo caso le cifre sono ingenti, con all'incirca 1300 lavoratori di Linate che per i prossimi tre mesi verranno a Malpensa (calcolati tutti i turni, si tratta di 700 'pendolari' al giorno, dipendenti di SEA (30%), di Airport handling (32%), di altre attività aeroportuali, commercianti e di compagnie aeree (38%); per loro sono state previste navette, oltre a corsi di formazione e familiarizzazione per le differenti figure professionali - autisti, addetti alla sicurezza, operatori di terra, commessi e camerieri - in quanto lo scalo della provincia di Varese è molto più grande e perciò ognuno dovrà prestare servizio in un ambiente al quale non è abituato).

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento