meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 18°
Gio, 28/05/2020 - 08:50

data-top

giovedì 28 maggio 2020 | ore 09:05

La dolce... 'Büsaéla'

Risalire alle origini di questo dolce non è stato facile: i ricordi dei nonni sono già vaghi e abbiamo dovuto ricorrere ai ricordi dei pochi bisnonni ancora attivi.
Trucioli di storia - La 'Büsaéla'

Risalire alle origini di questo dolce non è stato facile: i ricordi dei nonni sono già vaghi e abbiamo dovuto ricorrere ai ricordi dei pochi bisnonni ancora attivi. Questo dolce infatti si cucinava fino alla fine degli anni ‘40, dopodichè con l’avvento delle cucine moderne e con la possibilità di poter acquistare il pane già fatto dai fornai è andato perdendosi. Il nome originale era “Brüsavéla”, ma il dialetto Cuggionese in moltissime parole sopprime le lettere 'R' e 'V' ed era quindi comunemente chiamata “Brüsaéla”. La parola riuniva due vocaboli: 'brüsà', bruciato cioè cotto, dorato, e “vélà” velata, il velo dello zucchero e del burro sciolto sulla superficie. Questo dolce era la versione festiva della più modesta “carsenza”, infatti mentre la carsenza era la semplice pasta del pane con la sola aggiunta di uvetta passa e fichi, la brüsaéla prevedeva anche l’aggiunta di burro e zucchero: diventava quindi un dolce più ricco. Sul finire degli anni ‘40, quando cominciava ad esserci più abbondanza di cibo, qualcuno aggiungeva, se ne aveva disponibilità nel proprio orto o cortile, qualche altro frutto maturo, mele o uva americana ad esempio, ma questo era già visto come arricchimento della ricetta originale. La si faceva insieme al pane, le donne nel suddividere l’impasto in pagnotte riservavano un pezzo di pasta per arricchirla di uvetta, fichi, zucchero e burro. Il pane veniva fatto in casa da ogni famiglia e una volta lievitato lo si poneva nella “marnéta” e lo si portava dal fornaio per la cottura, non prima però di aver apposto un segno su ogni pagnotta per poterla riconoscere una volta cotta. A fine cottura del pane col forno spento ma ancora caldissimo si infornava la Büsaéla che in poco tempo cuoceva. (Trucioli di Storia. Insieme ai tanti nonni cuggionesi)

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento