meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 30°
Lun, 06/07/2020 - 19:20

data-top

lunedì 06 luglio 2020 | ore 19:57

Ceriani, vita in missione

Da 30 anni il Gruppo Missionario Magentino in Africa. Tarcisio Ceriani, una vita spesa in parte al servizio delle missioni, in particolare a Gulu, nel nordo dell'Uganda.
Magenta - Tarcisio Ceriani

Il signor Ceriani quest’anno lascia la presidenza del Centro missionario Magentino per motivi di salute, ma non abbandona certo le attività missionarie. Una vita spesa in parte al servizio delle missioni, in particolare a Gulu, nel nord dell’Uganda, dove da 30 anni il gruppo magentino è una presenza costante, anche nei periodi di tensione civile e di guerriglia. Affascinato dalla figura dei missionari fin da piccolo, preti che venivano da Paesi lontani ed interpretavano concretamente la parola di Gesù nei luoghi più poveri del pianeta... così il giovane Tarcisio, seguendo le vicende di Don Bruno Pegoraro e del dott. Mario Leone, che si recavano regolarmente in Africa dal 1972. E’ così nata l’idea di fondare un gruppo che promuovesse azioni articolate e costanti nelle missioni. Appena creato il centro missionario del magentino, il signo Ceriani è uno dei firmatari dell’atto costitutivo. Costruiscono nel vero senso della parola (vale a dire anche edifici in muratura, strade di accesso e arredi vari) una scuola di taglio e cucito a Gulu, grazie ad un’idea venuta in modo assolutamente spontaneo, quando il vescovo di Gulu venne a Magenta per officiare le cresime e vide la moglie del dott. Leone attaccare un bottone e pensò che le sue ragazze non sapevano fare quel semplice gesto che poteva invece rivelarsi molto utile: così nacque il laboratorio di taglio e cucito che dal 1981 vede 250/300 ragazze impegnate ad imparare il mestiere di sarta.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento