meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 12°
Lun, 28/09/2020 - 23:20

data-top

martedì 29 settembre 2020 | ore 00:28

Il Natale secondo... gli italiani

Cosa pensa la gente della festa di Natale? Come lo festeggeranno e con chi? Siamo andati a chiederlo a loro. Il senso dell'orgine cristiana si conferma: simbolo è il presepe.
Attualità - Un presepe

Il Natale è alle porte e, tra lo scintillante luccichio delle decorazioni natalizie, simpatici babbi natale, che salgono e scendono dai comignoli delle case, e alberi abbelliti ad hoc, siamo andati fra la gente, per capire come sarà il S. Natale 2016 dei nostri concittadini. Tutti, nessuno escluso, ci confermano la volontà di festeggiarlo, ma i motivi sono vari e parecchio interessanti: c’è chi afferma di celebrare l’evento per tradizione, senza darne un colorito particolare, chi invece, per fede religiosa, non si esime dal festeggiare una tale ricorrenza e, infine, la maggior parte, che mostra il desiderio di festeggiare per riunire la famiglia e i parenti. Per tanti, in effetti, il Natale significa famiglia e affetto. “Riunire attorno a un tavolo i più cari è l’emozione più bella del Natale”, ci confida una signora; “i volti dei bambini, estasiati all’arrivo di babbo natale, ripagano l’attesa di un anno per questo evento”. Ma quale sarà, allora, il simbolo di queste feste? La maggioranza dei votanti dice: il presepe; battuti babbo natale e l’albero. Non si distacca, quindi, anche questo Natale dalle sue radici, nonostante una buona parte degli intervistati affermi che la globalizzazione stia sempre più laicizzando, in nome di un consumismo scellerato, una festa con origini ben precise. Ma di consumismo si può parlare fino ad un certo punto.. eh già, perché il periodo economicamente difficile, al quale dobbiamo far fronte, limita, in alcuni casi anche notevolmente, le nostre spese. I risultati del nostro sondaggio sono chiari nell’evidenziare come i budget dedicati a queste festività sono andati via via calando negli ultimi anni, sino a casi in cui ci si vede costretti a restringere la cerchia dei regali solo ai parenti più stretti o addirittura a non farne proprio. Insomma, la nota negativa rimane questa: le difficoltà, che tanti, molti, devono affrontare, tuttavia rincuora che alla domanda “cosa ti aspetti da questo Natale” in tanti abbiano dedicato un pensiero al prossimo, invocando “serenità per tutti” , “lavoro” e “benessere politico -sociale”.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento