meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 21°
Gio, 18/08/2022 - 00:20

data-top

giovedì 18 agosto 2022 | ore 00:42

Riforma Gelmini a Magnago

Al cinema teatro un incontro per affrontare la questione scuola

Lo scorso mercoledì 25 febbraio presso il Cinema Teatro di Magnago si è parlato di scuola, con particolare riferimento alla Riforma Gelmini. L’incontro, organizzato dall’Assessore alla Pubblica Istruzione, Ceriotti, moderatore della serata, ha visto tra i relatori la dottoressa Vismara, dirigente Anci Lombardia, il professor De Rosa, dirigente scolastico del Plesso di Magnago, ed il professor Marzorati, dirigente scolastico dell’Istituto Torno di Castano Primo. “La Riforma Gelmini - afferma Vismara - interessa tutte le scuole di ogni ordine e grado, anche se il dibattito più acceso è sull’introduzione del maestro unico alla scuola primaria. C’è poi nella riforma un vasto capitolo sull’edilizia scolastica, in particolare in tema di sicurezza. “Non c’è stata una sufficiente informazione da parte del Governo - sostiene De Rosa - noi abbiamo incontrato le famiglie, cercando di informarle. La maggior parte hanno recepito favorevolmente alcuni aspetti, ad esempio l’introduzione dei decimi nella valutazione ed hanno scelto come tempo scuola per la primaria le 40 ore. Pertanto aspettiamo dal Provveditorato la conferma dell’organico. “Negli anni ci sono stati ben 37 tentativi di riforma per la scuola superiore - dice Marzorati- ora ci troviamo la Riforma Gelmini, che interesserà la secondaria superiore a partire dall’anno prossimo. La riforma, che smonta la precedente Riforma Moratti del 2001, prevede 3 canali formativi: licei, istituti tecnici e formazione professionale. Obiettivo del Ministro Gelmini è migliorare la scuola italiana, che costa molto in termini di risorse economiche, ma risulta scadente quando si va a valutare con prove internazionali la preparazione dei nostri studenti”.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!