meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo coperto -1°
Gio, 27/01/2022 - 01:50

data-top

giovedì 27 gennaio 2022 | ore 01:15

La storia del libro

Il Centro di documentazione e studi territoriali del Museo Storico Civico Cuggionese, nato per valorizzare il patrimonio documentale del Museo, ora apre i battenti alla comunità organizzando tre serate (8, 15 e 21 ottobre) dedicate alla storia del libro.
Territorio - Alla scoperta dei libri (Foto d'archivio)

Il Centro di documentazione e studi territoriali del Museo Storico Civico Cuggionese, nato per valorizzare il patrimonio documentale del Museo, ora apre i battenti alla comunità organizzando tre serate (8, 15 e 21 ottobre) dedicate alla storia del libro. Perché questo breve ciclo di incontri sulla storia del libro? “Sia perché con i libri il Centro opera sia perché in questo nostro presente da più parti si annuncia la fine del libro cartaceo a vantaggio di quello digitale - spiegano dal Musero Storico Civico - L’editoria ha però avuto uno slancio in questi ultimi anni, dimostrando che il libro è vivo e si porta dietro una lunga storia millenaria che merita attenzione e, soprattutto, merita di essere raccontata. Altra motivazione, non secondaria, è la volontà di far incontrare coloro che condividono l’amore per i libri, la lettura, la ricerca nell’intento di creare insieme momenti di confronto e di arricchimento”. L’iniziativa è intitolata ‘Il libro - prima e dopo Gutemberg’: venerdì 8 ottobre ‘il libro antico e medievale’, venerdì 15 ottobre ‘la rivoluzione di Gutemberg’, giovedì 21 ‘il libro nell’epoca industriale tra divulgazione e opera d’arte’. Iniziative alle ore 20, per informazioni cdst [at] gmail [dot] com. Sede: Villa Annoni, ‘Sala delle Stagioni’. Relatori: Loredana Scalcon e Franco Garavaglia.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Rispondi