meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 22°
Lun, 03/10/2022 - 12:50

data-top

lunedì 03 ottobre 2022 | ore 13:00

Aziende under 35 nei campi: +2,8%

Guerra e pandemia non fermano i giovani lombardi: nell’ultimo anno sono infatti cresciute del 2,8% le aziende agricole gestite da under 35, con il risultato che sono oltre tremila i ragazzi e le ragazze che in regione hanno scelto di costruirsi un futuro da imprenditori investendo nella terra, dalla coltivazione all’allevamento, dall’agriturismo alle vendite dirette fino alle bioenergie e all’economia green.
Generica - Coldiretti

Guerra e pandemia non fermano i giovani lombardi: nell’ultimo anno sono infatti cresciute del 2,8% le aziende agricole gestite da under 35, con il risultato che sono oltre tremila i ragazzi e le ragazze che in regione hanno scelto di costruirsi un futuro da imprenditori investendo nella terra, dalla coltivazione all’allevamento, dall’agriturismo alle vendite dirette fino alle bioenergie e all’economia green. È quanto afferma la Coldiretti Lombardia in occasione della consegna degli Oscar Green regionali a Mantova, sulla base dei dati del Registro Imprese al secondo trimestre 2022.

Nelle campagne – afferma la Coldiretti regionale – le nuove generazioni trovano sempre più il modo di esprimere creatività e di portare il loro contributo e il loro impegno per affrontare le sfide sempre più attuali sull’approvvigionamento del cibo, sui cambiamenti climatici e sulla produzione di energia nel segno della sostenibilità. “I nostri giovani vanno sostenuti affinché i loro progetti imprenditoriali possano crescere – afferma Paolo Carra, vice presidente di Coldiretti Lombardia – se vogliamo investire nel futuro di un Paese come l’Italia che per troppo tempo ha pensato di poter fare a meno della propria agricoltura. La pandemia prima, la guerra in Ucraina poi hanno fatto emergere la centralità del ruolo degli agricoltori”.

In Italia – sottolinea la Coldiretti – il numero di giovani imprenditori agricoli è cresciuto dell’8% negli ultimi cinque anni, in netta controtendenza rispetto all’andamento generale dell’economia. L’agricoltura inoltre – afferma la Coldiretti sulla base della rilevazione Istat sul mercato del lavoro nel II trimestre del 2022 - è uno dei pochi settori in cui i giovani occupati con meno i 34 anni aumentano con un balzo di ben 19mila unità, rispetto a prima della pandemia.

Con la crisi provocata dall’emergenza sanitaria – continua la Coldiretti –, il settore agricolo è diventato di fatto il punto di riferimento importante per le nuove generazioni, tanto che al lavoro nelle campagne italiane c’è un esercito di 55mila imprese giovani che ha di fatto rivoluzionato il mestiere dell’agricoltore, impegnandosi in attività multifunzionali che vanno dalla trasformazione aziendale dei prodotti alla vendita diretta, dalle fattorie didattiche agli agriasilo, ma anche alle attività ricreative, l’agricoltura sociale per l’inserimento di disabili, detenuti e tossicodipendenti, la sistemazione di parchi, giardini, strade, l’agribenessere e la cura del paesaggio o la produzione di energie rinnovabili.

“Le aziende agricole giovani sono una risorsa per tutto il sistema economico e produttivo – afferma Carlo Maria Recchia, leader dei giovani di Coldiretti Lombardia – Sono quelle che hanno la maggior propensione all’innovazione e hanno più a cuore la sfida della sostenibilità ambientale. Mai come ora è importante stare al fianco delle nuove generazioni che vogliono investire il proprio futuro nelle campagne, abbattendo gli ostacoli burocratici che troppo spesso si frappongono”.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Invia nuovo commento