meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno -1°
Lun, 29/11/2021 - 05:20

data-top

lunedì 29 novembre 2021 | ore 04:32

Spiderman dal Papa

L'Uomo Ragno che fa sorridere i piccoli pazienti ricoverati negli ospedali, ha incontrato il Santo Padre. Un supereroe dal cuore grande, che porta sostegno ai bimbi.
Storie / Sociale - Spiderman durante l'incontro con il Papa (Foto internet)

Ma è davvero lui? Già, proprio Spiderman in carne e ossa... da Papa Francesco. La stretta di mano, qualche minuto a colloquio, la consegna della maschera e, poi, via veloce, perché c'è una nuova missione da compiere. In fondo, quando qualcuno chiama e ha bisogno, eccolo, subito, pronto ad arrivare. E' così l'Uomo Ragno; è così, soprattutto, Mattia Villardita, il 28enne che si nasconde, appunto, dietro a quel custome. E, allora, dopo l'incontro con il Santo Padre, senza perdere un attimo di tempo, il supereroe stavolta si è trasferito nei reparti pediatrici del policlinico Agostino Gemelli di Roma, su iniziativa dell’Ispettorato di pubblica sicurezza Vaticano, con la banda musicale della Polizia di Stato. "Mi vesto da Spiderman per cercare di strappare un sorriso ai più piccoli che sono in ospedale - ha detto lo stesso Mattia - Lo faccio perché ho una malattia congenita, per 19 anni sono entrato e uscito dal Gaslini di Genova, e mi sarebbe piaciuto tantissimo, quando ero lì, solo, nel mio lettino, vedere l'Uomo Ragno entrare dalla finestra della mia stanza...”. In questo modo, insomma, si diventa supereroe, “Con il cuore”. “Non c’è un corso - continua - Nasce tutto dalla volontà di dare un sostegno a chi, purtroppo, sta affrontando momenti difficili. Nel mio caso specifico, poi, ho indossato per la prima volta la maschera 4 anni fa, a Natale: dovevo consegnare un computer al San Paolo di Imperia e mi sono inventato qualcosa che potesse far divertire i bambini che stavano vivendo quello che avevo vissuto anche io”. E da quel momento, il 28enne (che nel frattempo ha dato vita, assieme ad altri giovani, all’associazione Supereroincorsia) è diventato un punto di riferimento per tantissimi bimbi, ricoverati nelle varie strutture sanitarie. “Pure durante il lockdown, non ci siamo mai fermati. Ho fatto oltre 1400 videochiamate, non potendo andare di persona per le varie chiusure e limitazioni - conclude - Inoltre, organizziamo, in parallelo, anche feste a sorpresa o, più semplicemente, la consegna di una pizza”.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento