meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole sparse 11°
Lun, 03/05/2021 - 06:50

data-top

domenica 09 maggio 2021 | ore 02:39

I due falchi del Pirellone

Giò e Giulia, così sono stati ribattezzati i due falchi che, ogni anno, puntuali tornano sul Grattacielo Pirelli per la riproduzione. Adottati virtualmente da tanti cittadini.
Milano / Storie - I due falchi del Pirellone (Foto internet)

Il loro nido d'amore l'hanno scelto con una vista davvero mozzafiato e soprattutto in uno degli edifici simbolo di Milano. E, mai come stavolta, proprio di nido bisogna parlare, perché protagonisti sono nientemeno che Giò e Giulia, i due falchi pellegrini 'urbani' che ogni anno, tra la fine di febbraio e l'inizio di marzo, tornano in cima al Grattacielo Pirelli (sede del Consiglio Regionale), per la riproduzione. Una storia che certo, alla fine, sarebbe ordinaria per le leggi di natura, se non fosse che gli innamoratori fin da quando sono arrivati la prima volta sono due osservati speciali. Il primo avvistamento dei rapaci in cima al Pirelli, infatti, risale al mese di aprile del 2014, la coppia è stata individuata durante alcuni lavori di manutenzione sul tetto dell’edificio, quindi qualche tempo dopo ecco che si è deciso di costruire loro un nido artificiale, una vasca in legno con un letto di ciottoli alla base adatta ad ospitare la cova e, contemporaneamente, proprio in corrispondenza dello stesso nido sono state installate due webcam, occhi 'elettronici' che permettono di osservare in diretta streaming 24 ore su 24 la vita ad alta quota. E, in men che non si dica, i due falchi sono diventati delle vere celebrità, venendo adottati virtualmente da tanti cittadini che, da quel momento, hanno cominciato a seguire con grande cura e attenzione la riproduzione. Ogni anno, insomma, Giò e Giulia tornano 'a casa' e così hanno fatto anche in questo 2021.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento