meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo coperto 10°
Dom, 11/04/2021 - 20:50

data-top

domenica 11 aprile 2021 | ore 21:21

Santa Bakhita a Cuggiono...

La schiava poi divenuta Santa era stata in visita all'Istituto Canossiano di Cuggiono. Una riflessione di Madre Maria Vezzoli.
Cuggiono - Santa Bakhita dalle Canossiane

Bakhita nacque nel 1869 in un villaggio del Sudan, nella regione del Darfur. Fu venduta e rivenduta più volte sui mercati di El Obeid e di Khartoum, conobbe umiliazioni indicibili, le sofferenze fisiche e morali della più dura schiavitù. Proprio per la sua vicenda, nel giorno della sua festa liturgica (8 febbraio, per gli ambrosiani il 9) si celebra, ogni anno, la Giornata mondiale contro la tratta per ricordare tutte le vittime della tratta di esseri umani in tutto il mondo, chiedendo nello stesso tempo maggiore impegno ai governanti perché ne siano affrontate con decisione le cause e invitando a pregare la santa canossiana perché sostenga tutti in questo impegno. La storia della “santa madre Moretta” non è quella, lontana, di una povera ragazza africana, bensì una storia vicinissima a noi, trasfigurata dall'incontro con il Signore. Bakhita è testimonianza luminosa della vita che può risorgere, libera dalle catene, grazie al perdono e alla fede. “L'ex schiava diventata religiosa - come ci racconta Madre Maria Vezzoli, suora Canossiana, a Cuggiono dal 2004 al 2007 e ora ad Almè (BG) - ci invita ad essere se stessi, poiché per noi stessi siamo amati”. “Se la storia di Bakhita ci tocca è perché è la storia di una liberazione interiore: anche noi, senza accorgercene, obbediamo a ordini diversi, a imposizioni culturali e sociali, che creano stili di vita senza che noi ne abbiamo piena coscienza”... “Bakhita, che in Italia maturò la sua chiamata a farsi religiosa e si consacrò al suo Signore nell’Istituto di santa Maddalena di Canossa - ci rivela Madre Maria Vezzoli - negli anni '37-41, obbedendo ai Superiori, visitò le varie case dell'Istituto in Italia, per raccontare alle alunne, alle ragazze che frequentavano gli oratori, agli adulti, la sua storia (la sua presenza, presso l'Istituto Canossiano a Cuggiono, è testimoniata anche dalla fotografia di Gaetano Colombo)”. Cuggiono - Madre Maria Vezzoli Venne beatificata da Papa Giovanni Paolo II il 17 maggio 1992 e da lui definita “Sorella Universale”. Nell'esortazione apostolica sulla santità Papa Francesco spiegava: “Non avere paura della santità. Non ti toglierà forze, vita e gioia. Tutto il contrario, perché arriverai ad essere quello che il Padre ha pensato quando ti ha creato e sarai fedele al tuo stesso essere. Dipendere da Lui ci libera dalle schiavitù e ci porta a riconoscere la nostra dignità”. Fu proclamata santa il 1° ottobre 2000. La sua dolcezza, bontà e mitezza e insieme la sua umiltà, attraverso una fede incarnata e accessibile a tutti, è ben espressa dal suo luminoso pensiero: “Se incontrassi quei negrieri che mi hanno rapita e anche quelli che mi hanno torturata, mi inginocchierei a baciare loro le mani, perché, se non fosse accaduto ciò non sarei ora cristiana e religiosa”. Perdonando i suoi aguzzini aveva trovato gioia e pace... Per ciascuno di noi, lei che dall'incontro con Gesù aveva vissuto ogni cosa con fede, desidera una vita pienamente umana.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento