meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue 10°
Mar, 27/10/2020 - 01:20

data-top

martedì 27 ottobre 2020 | ore 02:10

Ciao 'Sandrino'...

Alessandro Colombo, il “Sandrino” o il “Sandro”, come veniva più facilmente chiamato, a Cuggiono lo conoscevano tutti. In questo 2020 che ci sta provando tanto, se ne è andato improvvisamente, nella mattina di giovedì 10 settembre, a soli 66 anni.
Cuggiono - Alessandro Colombo, 'Sandrino'

Alessandro Colombo, il “Sandrino” o il “Sandro”, come veniva più facilmente chiamato, a Cuggiono lo conoscevano tutti. Lo si incontrava a Messa, ed era bello fermarsi a chiacchierare con lui, prima di tornare a casa per il pranzo della domenica. Ma era soprattutto il “re” indiscusso delle grigliate, condite con la simpatia che lo contraddistingueva e l’esperienza maturata “sul campo”: i panini con la salamella a Castelletto (in occasione delle feste e del CamminarMangiando) avevano un sapore davvero speciale. In attesa del Natale, transitare da Via Rossetti, ti lasciava a bocca aperta per la meraviglia. Un grande e suggestivo presepe veniva sempre allestito con cura, nel cortile della palazzina in cui abitava con la sua amata famiglia, grazie ai personaggi in compensato (realizzati da lui, creativo “tuttofare”) a rappresentare la nascita di Gesù, in una capanna illuminata. Era sempre attivo con il GAMM, il Gruppo Amici della Montagna di Mesero: quanti corsi di sci e proposte, per piccoli e grandi, per scaldare l’inverno in compagnia! Nemmeno la pandemia aveva intaccato il suo buonumore, anzi, nel lockdown ci aveva regalato sorrisi, con piccoli video umoristici e semplici ma originali “giochi di una volta” (realizzati con le carte che avvolgono le arance) pubblicati sui social. Il suo colorato ‘Andrà tutto bene’ suonava più convincente di altri: riusciva infatti a stemperare la tensione e la preoccupazione, come quando con la fantasia ha immaginato di attraversare il territorio, passando da Boffalora a Bernate fino a Mesero, grazie a dei cartelli attaccati per casa. Non poteva mancare il mitico “Sandro” nei ‘Volti di Cuggiono’, il progetto fotografico di Hermes Mereghetti: era una delle storie da raccontare. Giovedì 3 settembre i ragazzi dell’oratorio cuggionese, lo avevano trovato sorridente, insieme ad altri volontari e amici del Museo Storico Civico, ad aiutare per la vendemmia dell’uva del Baragioeu in Villa Annoni. In questo 2020 che ci sta provando tanto, se ne è andato improvvisamente, nella mattina di giovedì 10 settembre, a soli 66 anni, il “Sandrino”... Ci mancherà moltissimo il tuo umorismo, la tua simpatia e la tua disponibilità. Grazie per l’esempio che ci lasci.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento