meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 17°
Dom, 24/05/2020 - 22:50

data-top

domenica 24 maggio 2020 | ore 23:22

Busto Arsizio: dimesso primo paziente Covid-19

L’uomo era stato trasferito il 4 marzo dal Pronto soccorso di Alzano Lombardo alle Malattie Infettive dell’Ospedale di Busto Arsizio, per una polmonite da Coronavirus.
Busto Arsizio - Scritta sull'Ospedale

E’ un uomo, ha 43 anni. Oggi ha lasciato la Terapia intensiva dell’Ospedale di Busto Arsizio, dove era ricoverato, per essere trasferito in reparto. E’ il primo paziente Covid – 19 che lascia la Terapia intensiva ASST Valle Olona.
L’uomo era stato trasferito il 4 marzo dal Pronto soccorso di Alzano Lombardo alle Malattie Infettive dell’Ospedale di Busto Arsizio, per una polmonite da Coronavirus. Ha sviluppato una grave insufficienza respiratoria, che il 6 marzo ha richiesto l’intubazione e il ricovero in Terapia intensiva.
E’ stato quindi sottoposto a ventilazione meccanica, pronazione e supporto farmacologico del circolo. Dopo la stabilizzazione del quadro clinico, i supporti sono stati progressivamente ridotti fino all’estubazione, avvenuta il 13 marzo. Ha avuto ancora necessità del casco CPAP per le prime 36 ore, ma lo svezzamento si è concluso positivamente. Oggi ha lasciato la Rianimazione.
Il Direttore generale dell’ASST Valle Olona, dottor Eugenio Porfido, ricorda che tutti noi, attraverso poche e semplici regole, possiamo fattivamente aiutare tutti gli operatori sanitari che stanno dando il loro massimo impegno nel restituire salute ai malati Covid -19:
-stare in casa
-mantenere la distanza di sicurezza (1 metro, 1 metro e mezzo)
-lavare spesso le mani
-non toccare con le mani occhi, naso, bocca
-areare spesso gli ambienti durante la giornata.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento