meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 11°
Sab, 28/03/2020 - 21:20

data-top

sabato 28 marzo 2020 | ore 22:12

COVID-19: isolato ceppo italiano al Sacco

"Coronavirus: 37 persone sono guarite e, inoltre, dall’ospedale Sacco è arrivata l’importante conferma dell’isolamento del ceppo italiano del virus.
Salute - L'ospedale Sacco di Milano (Foto internet)

"Coronavirus: finalmente una serie di buone notizie; anzitutto 37 persone sono guarite e il loro tampone è ora negativo, quindi dall’ospedale Sacco è arrivata l’importante conferma dell’isolamento del ceppo italiano del virus e, infine, iniziano a diminuire i ricoveri nelle strutture lombarde”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, intervenendo in video alla conferenza stampa convocata a Palazzo Lombardia per fare il punto sulla situazione del COVID-19 e annunciando anche che la Lombardia “Senza nessun aiuto del Governo è riuscita a recuperare 4 milioni di mascherine e presìdi sanitari che saranno distribuite da domani ai medici e al personale a seconda delle priorità”. GALLERA: SITUAZIONE INIZIA A STRUTTURARSI - “La situazione – ha detto l’assessore al Welfare, Giulio Gallera - inizia a strutturarsi anche nei presidi sanitari e stiamo riuscendo ad avere un profilo più preciso di come si stia sviluppando il virus stesso. Inoltre, confermiamo che i tamponi verranno effettuati solo sui pazienti che presentano sintomi riferibili al Coronavirus come febbre e difficoltà respiratorie. Secondo questa interpretazione dunque non verranno più ‘tamponati’ gli asintomatici”. L’assessore ha pure evidenziato come dai 126 ricoverati nella sola giornata del 24 febbraio, si sia passati ai 44 del 25 e ai 39 di ieri. “Allo stato attuale – ha aggiunto – abbiamo 216 persone ricoverate sulle 403 risultate positive (72 in provincia di Bergamo, 10 Brescia, 91 Cremona, 159 Lodi, 5 Monza e Brianza, 15 Milano, 36 Pavia, 3 Sondrio e 12 in corso di verifica)”. Complessivamente i decessi in Lombardia, relativi a pazienti in stato di salute già molto compromesso, è di 14 persone, la stragrande maggioranza delle quali è ultraottantenne. L’OSPEDALE DI CREMONA – Cremona con 91 casi è la seconda provincia lombarda per numero di persone colpite. “I ricoverati sono 50, ma bisogna tenere conto che quest’ospedale è un riferimento anche per l'area lodigiana. I pazienti sono tutti ricoverati in situazioni ordinarie, cioè in letti di Medicina che è stata trasformata in un reparto di infettivologia”. 100 POSTI LETTO IN TERAPIA INTENSIVA – La Lombardia ha 900 posti di terapia intensiva e circa 100 sono tuttora liberi, ad oggi le persone ricoverate in questi reparti sono 28. RIAPRE PARTE DEL DUOMO – L’assessore ha, infine, confermato che nelle prossime ore riaprirà in maniera contingentata e gestita parte del Duomo di Milano. In particolare il portone mediano sud e le terrazze. Funzioneranno solo le biglietterie online.

Invia nuovo commento