meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Alcune nuvole 11°
Gio, 01/10/2020 - 01:20

data-top

giovedì 01 ottobre 2020 | ore 02:13

La Prima della Scala a Malpensa

Trasmessa anche all'aeroporto della provincia di Varese. Così, il 7 dicembre, dalle 18, al Terminal 1 si potranno ascoltare le celebri arie di Puccini e vedere lo spettacolo
Attualità - L'aeroporto di Malpensa

Il 7 dicembre l’appuntamento tradizionale di Sant’Ambrogio per la città di Milano è la Prima della Scala. La serata inaugurale della stagione scaligera sarà inscenata dalla Tosca diretta dal maestro Riccardo Chailly. Un appuntamento tanto atteso che nel corso degli ultimi anni si è diffuso in tutta la città coinvolgendo un pubblico sempre più ampio grazie all’iniziativa promossa dal Comune di Milano e Edison insieme al Teatro alla Scala: la 'Prima Diffusa' che permette di vedere l’opera trasmessa in diretta in 36 luoghi della città meneghina. E non solo. Anche quest’anno, per il terzo consecutivo, SEA, la società di gestione degli aeroporti di Milano, ha voluto che l’aeroporto di Milano Malpensa fosse uno dei luoghi alternativi di questo progetto. E così tutti coloro che stanno per prendere un volo, che sono appena arrivati a Milano o che semplicemente si trovano a passare o lavorare al Terminal 1 di Malpensa, a partire dalle 18, potranno ascoltare le celebri arie di Puccini e vedere le meravigliose scenografie presso la 'Porta di Milano', l’area dedicata agli eventi culturali che si trova tra la stazione e il piano zero del terminal 1, prima dei Rent-a-Car. L’aeroporto è senza dubbio una scelta alternativa che consolida tuttavia una tradizione molto apprezzata dai passeggeri e dalla popolazione aeroportuale. Quest’anno per la prima volta visibile su un grande led-wall.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento