meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno
Ven, 17/01/2020 - 18:50

data-top

venerdì 17 gennaio 2020 | ore 19:15

Il futuro urbano di Milano

Milano guarda al futuro con sostenibilità, innovazione e stile. Da Loreto alle Palazzine Liberty, sette nuove ‘vecchie’ aree da rigenerare nella città meneghina.
Milano - Il futuro urbano del capoluogo

Milano guarda al futuro con sostenibilità, innovazione e stile. Da Loreto alle Palazzine Liberty, sette nuove ‘vecchie’ aree da rigenerare nella città meneghina: con questi spazi il Comune partecipa alla seconda edizione di Reinventing Cities, il bando internazionale promosso da C40 che prevede l’alienazione di siti dismessi e degradati da destinare a progetti di rigenerazione ambientale e urbana, nel rispetto del principio di sostenibilità. Sono nove le città del mondo che partecipano al bando: in Italia, oltre a Milano, c’è Roma, poi ci sono Madrid, Chicago, Dubai, Montreal, Singapore, Cape Town, Reykjavik. In totale sono stati identificati 25 siti (di cui 7 solo a Milano) - tra aree o edifici in disuso o dismessi - da riqualificare attraverso interventi di rigenerazione urbana resiliente e a emissioni zero. Le aree che partecipano al bando sono: piazzale Loreto, il nodo di interscambio Bovisa, lo scalo ferroviario di Lambrate, aree in via Monti Sabini e a Crescenzago, la zona dell’ex Macello, quella delle Palazzine Liberty. Piazzale Loreto, per esempio, è una delle sette piazze strategiche di Milano 2030, per cui nel PGT sono previste norme specifiche per incentivarne lo sviluppo e la rigenerazione. Il progetto dovrà valorizzare la piazza come cerniera tra Corso Buenos Aires, viale Monza e via Padova, riorganizzando la viabilità per generare nuovi spazi pedonali di qualità. L’Ordine degli Architetti di Milano collaborerà con il Comune in veste di ‘ambasciatore locale’ dell’iniziativa, per approfondire, divulgare e tenere vivo l’interesse tra i vari soggetti interessati lungo tutto il processo.

Invia nuovo commento