meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 16°
Mer, 17/07/2019 - 05:50

data-top

mercoledì 17 luglio 2019 | ore 06:18

La Veglia 'In traditione Symboli'

Sabato 13 aprile alle 20.45, in Duomo, l’Arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini, guiderà la Veglia di preghiera 'In traditione Symboli' con i giovani e i nuovi catecumeni.
Attualità - L'Arcivescovo di Milano, Mario Delpini

Sabato 13 aprile alle 20.45, in Duomo, l’Arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini, guiderà la Veglia di preghiera 'In traditione Symboli', alla quale sono invitati i giovani chiamati a testimoniare davanti al Vescovo il dono della fede e i nuovi catecumeni: un gruppo di adulti che si sono preparati da tempo a ricevere nella notte di Pasqua il battesimo. Quest’anno in tutta la Diocesi i catecumeni sono 116. Tra loro 76 sono donne, 40 uomini. Dopo gli italiani (41), il gruppo nazionale più numeroso è costituito da albanesi (24), seguono peruviani (6) e cinesi (5). Gli altri provengono da diversi paesi di tutti i continenti con la sola eccezione dell’Oceania. Durante questo momento celebrativo i partecipanti si interrogheranno sulla loro fede in Gesù guidati dall’Arcivescovo. In questo contesto sarà loro consegnato il Credo (dal latino: traditio symboli). il Simbolo della nostra fede. "In modo particolare la Veglia di quest’anno – spiega don Massimo Pirovano, responsabile del Servizio giovani e università - è stata pensata e organizzata da giovani provenienti dagli oratori, dai movimenti e associazioni, sarà l’occasione per confrontarsi intorno a questa provocazione: 'Chi ama la propria vita?'. Per questo sarà molto interessante ascoltare la testimonianza di due giovani volontari della parrocchia latina di san Francesco ad Aleppo (Siria): la studentessa Nadine di 27 anni e Antwan di 25 anni ingegnere. Ci racconteranno la loro esperienza di fede vissuta nel contesto di una nazione ancora profondamente segnata dal lungo conflitto". La celebrazione sarà trasmessa in diretta su Chiesa Tv (canale 195 del digitale terrestre), Radio Mater e www.chiesadimilano.it.

Invia nuovo commento