meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 18°
Dom, 21/10/2018 - 12:20

data-top

domenica 21 ottobre 2018 | ore 12:56

#salvaiboschiitaliani

In occasione del primo weekend di agosto, mese per tradizione dedicato alle vacanze, negli agriturismi lombardi arriva la campagna #salvaiboschiitaliani di Terranostra.
Attualità - Salviamo i boschi (Foto internet)

In occasione del primo weekend di agosto, mese per tradizione dedicato alle vacanze, negli agriturismi lombardi arriva la campagna #salvaiboschiitaliani, promossa da Terranostra per sensibilizzare turisti e viaggiatori sul tema della tutela, della gestione e della salvaguardia delle foreste. “I boschi – spiega Massimo Grignani, Presidente di Terranostra Lombardia – sono un patrimonio di biodiversità e, se gestiti in modo corretto, possono rappresentare una leva fondamentale per la crescita dei nostri territori da un punto di vista turistico, ambientale e occupazionale. Per questo è importante educare le persone al rispetto e alla conoscenza di questi ambienti”. Nelle giornate di sabato 4 e domenica 5 agosto – spiega la Coldiretti Lombardia – in diversi agriturismi Terranostra saranno organizzate attività dedicate ai boschi, ai suoi abitanti e ai suoi prodotti, fornendo informazioni e proponendo menù a tema. L’elenco completo e i dettagli di tutte le iniziative sono disponibili sulla pagina Facebook di Terranostra Lombardia. Nella nostra regione – spiega la Coldiretti Lombardia in base ai più recenti dati Ersaf – il 26,4% del territorio è ricoperto da boschi, che ormai si estendono su oltre 629 mila ettari. Un polmone verde concentrato prevalentemente nelle province di Brescia (oltre 170 mila ettari), Sondrio (117 mila ettari) e Bergamo (quasi 116 mila ettari) che da sole rappresentano i due terzi della superficie boscata. Seguono Como (oltre 63 mila ettari), Varese (55 mila ettari), Lecco (più di 42mila ettari), Pavia (40 mila ettari), Milano (oltre 10 mila ettari), Monza Brianza (4 mila ettari), Cremona (quasi 4 mila ettari), Mantova (più di 3 mila ettari) e Lodi (più di 2 mila ettari).

Invia nuovo commento