meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue
Mer, 01/12/2021 - 23:20

data-top

domenica 05 dicembre 2021 | ore 22:36

'Volontariamo': via i rifiuti

'Volontariamo': Legambiente e collaboratori di BPM assieme per la pulizia dei boschi e delle aree verdi dai rifiuti. L'iniziativa a Turbigo (Tre Salti e Mulino del Pericolo).
Turbigo / Ambiente - Pulizia delle aree verdi

Pettorine, guanti, sacchi e palette: si chiama 'Volontariamo', proprio a rimarcare le due parole (volontariato e amore e cura per l'ambiente) che sono tra i tasselli fondamentali dell'iniziativa. E, allora, pronti, da una parte Legambiente, dall'altra diversi collaboratori di BPM, a pulire dai rifiuti, appunto, i boschi e gli spazi verdi del territorio. Più precisamente la zona è stata quella dei 'Tre Salti' a Turbigo: due gruppi, il primo che si è occupato dell'area attorno al ponte tibetano e al Ticino, il secondo, invece, eccolo nei pressi del Mulino del Pericolo e, quindi, lungo le spiagge accanto sempre al fiume Azzurro. "Un progetto di volontariato aziendale - spiegano i promotori - Momenti di partecipazione attiva e concreta del personale alla vita della comunità, durante l'orario di lavoro. Questo tipo di proposte, oltre a tradursi in vantaggi per le imprese che vi aderiscono e per le realtà alle quali sono rivolte, risultano importanti strumenti di team building". "La collaborazione e la sinergia tra le parti - concludono da Legambiente - è certamente un elemento fondamentale, per la tutela e la salvaguardia degli spazi verdi che ci circondano; nel caso specifico, il parco naturale lombardo della Valle del Ticino, un'area naturale protetta istituita nel 1974 e primo parco regionale italiano ad essere istituito, nonché il primo fluviale europeo".

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Rispondi