meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue 13°
Sab, 24/10/2020 - 07:50

data-top

sabato 24 ottobre 2020 | ore 08:29

'Baracca': teatro d'accoglienza

Nel corso della prima settimana gli oltre cento alunni di classe prima della scuola 'F. Baracca' hanno assistito ad una rappresentazione teatrale particolare.
Scuola - Teatro alla scuola 'Baracca' di Magenta

Nel corso della prima settimana gli oltre cento alunni di classe prima della scuola 'F. Baracca' hanno assistito ad una rappresentazione teatrale particolare. Una sezione alla volta per rispettare il distanziamento nell’auditorium. Spente le luci, l’ideale sipario si è aperto. Tratto dal libro di Amélie Nothomba condurre la rappresentazione l’attore e regista Simone Migliavacca, che già presso la stessa scuola aveva proposto corsi di teatro negli anni scorsi, in collaborazione con la professoressa di Lettere Concetta Giaimo. L’attore e regista ha presentato un adattamento dal titolo: 'E se ne sono andati via' del libro di Amélie Nothomb 'Riccardin dal ciuffo' che, a sua volta, è una reinterpretazione in chiave moderna di 'Enrichetto dal Ciuffo', la popolare fiaba francese che era stata resa celebre dalla versione del 1697 di Charles Perrault,
Cinquanta minuti di monologo, con diversi stili di racconto, dal teatro brillante a quello di narrazione, a quello didattico, Migliavacca fa vivere la storia e i personaggi che la animano. A seguire un dibattito sulle tematiche emerse, con i ragazzi toccati sul vivo. Attorno al tema centrale, quello della bruttezza/bellezza, che innesca il discorso sul modo con cui guardiamo noi stessi, gli altri, il mondo, ruotano altre tematiche tra cui la relazione genitori-figli, il bullismo a scuola, le dinamiche adolescenziali e l’amore.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Rispondi