meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue, leggera pioggia 10°
Mar, 27/10/2020 - 04:20

data-top

martedì 27 ottobre 2020 | ore 04:56

La musica dei 'Rio' a Inverart

Musica - Il gruppo dei Rio.3

“…Hey hey hey hey hey sha la la la e alza il capo un girasole anche se piove anche se tira forte il vento cerca il sole...”: questo l’inizio del testo del singolo ‘Terremosse’, secondo estratto dell’album ‘Fiori’, che, riferendosi al dramma del terremoto del 2012, esprime il coraggio e la forza degli emiliani nel reagire, guardando avanti e rivolgendo gli occhi al sole. Un raggio di speranza condiviso dai componenti del gruppo musicale ‘Rio’, che si esibiranno nella serata di venerdì 15 novembre, alle ore 22, presso il Padiglione Giovane a Inveruno. La rassegna artistica Inverart, giunta alla X edizione, che ogni anno attrae numerosi giovani per le iniziative proposte, ancora una volta vuole stupire invitando ad esibirsi protagonisti di alto livello. In occasione di questo prossimo evento si è voluto contattare direttamente il gruppo che salirà sul palco venerdì sera e, nonostante i numerosi impegni, il cantante Fabio Mora ci ha gentilmente concesso un’intervista. La sua inconfondibile voce ha risposto alle nostre domande con semplicità e schiettezza. Come e quando è nata la vostra band? “Dalla fine del 2001 al 2003 mi sono inserito nel gruppo, chiamato ‘Del Rio’, quando ho incontrato Marco Ligabue (fratello di Luciano, ndr), sviluppando insieme la mia passione per la musica, il folklore e la cultura messicana. Le nostre prime esibizioni hanno ricevuto consensi positivi, fino al 2004 quando è avvenuto il nostro esordio discografico, con l’uscita del primo album ‘Mariachi hotel’, che ha dato l’avvio al nostro tour per l’Italia”. Musica - Il gruppo dei Rio.1Come si è evoluto il vostro gruppo? “Prima di tutto il nostro gruppo ha modificato il nome, scegliendo di chiamarsi semplicemente ‘Rio’, contemporaneamente è cresciuta la nostra attività live che ci ha condotto ad esibirci in oltre 500 concerti in 8 anni, diversi dei quali all’estero (Brasile, Messico, Romania, Belgio, Inghilterra e Francia), che hanno riscosso un sempre maggiore successo. Abbiamo partecipato a vari concerti di Elisa e Ligabue intervenendo con le nostre canzoni e a importanti festival ed eventi radio/tv nazionali. All’attivo sono stati composti 5 album (‘Mariachi hotel’, ‘Terra Luna e Margarita’, ‘Il Sognatore’, ‘Mediterraneo’, ‘Fiori’), di cui l’ultimo ha segnato una vera svolta. La formazione originaria si è modificata nel 2010 con l’uscita dal gruppo di Marco e attualmente il gruppo comprende, oltre a me (voce), Fabio ‘Bronsky’ Ferraboschi (basso), Alberto ‘Paddo’ Paderni (batteria), Gio Stefani (chitarra)”. A quali generi di musica vi ispirate? “La nostra musica è un grande calderone di influenze blues, pop-rock, elettroniche, punk, mento giamaicano, dove i ritmi messicani e caraibici sono miscelati alla cultura italiana”. Cosa provate all’idea di esibirvi in una rassegna che comprende vari generi di arte giovane? “Speriamo di non essere fuori luogo” – ci dice Fabio con tono scherzoso. Musica - Il gruppo dei Rio.2“Far parte di questa rassegna artistica ci onora. Io ritengo l’arte importante, ciò che salva lo spirito delle persone, anche se pochi sanno apprezzarne il valore. Nella serata di venerdì proporremo un repertorio di canzoni storiche fino alle ultime innovazioni, passando dalle ballate ‘Pezzo di cielo’ e ‘Il movimento dell’aria’, al rock di ‘In ogni istante’ e ‘Come ti va’. Il concerto sarà vissuto in una completa interazione con il pubblico. Speriamo di lasciare con i nostri brani alcuni spunti di riflessioni, ma nello stesso tempo vogliamo offrire un momento di divertimento, leggerezza, positività e solarità”. Proprio come il girasole che, sempre e comunque, tende al sole.

L'edizione 2013 di Inverart

Il programma 2013

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Rispondi